Campaign Budget Optimization: cosa è e come funziona


campaign-budget-optimization

Da Settembre 2019 diventerà obbligatorio un nuovo strumento per la gestione del budget dell campagne pubblicitarie su Facebook e Instagram, già annunciato a Novembre 2017. A oggi opzionale, il Campaign Budget Optimization sposterà la definizione della spesa da livello Gruppo Inserzioni a livello Campagna, ma non solo: promette una gestione molto più efficace, puntuale e mirata del budget.

È davvero così?

Vediamo meglio di cosa si tratta e come funziona davvero.

Cosa è il Campaign Budget Optimization?

campaign budget optimization livello campagnaUn modo più facile per gestire il budget pubblicitario e assicurarsi risultati ottimali, così lo definisce Facebook; in pratica questo strumento permette di gestire il budget a livello di campagna in modo ottimizzato, ovvero ri-distribuendolo in tempo reale sui Gruppi Inserzioni che funzionano meglio, in modo totalmente automatico. In teoria, basta definire il budget a livello di campagna, creare i Gruppi Inserzioni con relative inserzioni al loro interno e lasciare che sia Facebook a valutare qual è l’Ad Set più performante (in base all’obiettivo impostato a livello di campagna) e allocarvi di conseguenza più budget.

Al momento la funzionalità è attivabile manualmente nel momento in cui si lancia la campagna, ma come detto diventerà obbligatoria e di default a partire da Settembre 2019. Come funziona in pratica?

È lo stesso Facebook a fornire un esempio:

Supponendo di avere un budget di 30$ e 3 pubblici differenti, creiamo una campagna con 3 Gruppi Inserzioni, ognuna con 10$ allocati. Non facendo modifiche manuali e non utilizzando il CBO (Campaign budget optimization), alla fine della campagna ci ritroveremo con una spesa omogenea su tutti i Gruppi Inserzioni (10-10-10), nonostante in realtà abbiano portato a costi per conversione e numero di conversioni differenti (3-5-2); utilizzando invece il CBO, che ridistribuisce il budget in tempo reale sugli Adset più performanti, il budget verrebbe spostato automaticamente sul Gruppo Inserzione migliore, permettendo di generare un maggior volume di conversioni a parità di spesa (3-10-2).

Ma cosa accade se, ad esempio, inseriamo nella stessa campagna due Gruppi Inserzioni e vogliamo allocare più budget a una delle due, magari perché sappiamo che un certo pubblico ha un costo maggiore per contatto, ma una resa migliore in termini di Ritorno sull’Investimento? Non c’è davvero più alcun controllo del budget sugli Adset? Non proprio.

Il controllo del budget a livello Gruppo Inserzioni

È possibile definire un budget minimo o massimo a livello di Adset, sia che si scelga il budget giornaliero che totale. Questo ci permette di avere ancora un bel po’ di controllo sui Gruppi Inserzioni e, se il lavoro “automatico” di Facebook non ci soddisfa o vogliamo allocare una determinata parte del budget a un certo pubblico, possiamo ancora farlo.

Campaign Budget Optimization, uno strumento davvero complesso e da testare

Ci sono però altri aspetti interessanti che vale la pena conoscere circa questo strumento, che è davvero molto, molto sofisticato.

Ad esempio, vale la pena capire come funziona realmente quando si imposta la strategia di costo inferiore (quella che Facebook propone di default e che avrai usato la maggior parte delle volte), per renderti conto che non è una gran pensata disattivare i gruppi con i costi per risultato più alto quando si usa il CBO e iniziare fin da ora a prenderci la mano perché, che ci piaccia o meno, tra pochi mesi sarà obbligatorio per tutti.

Idealmente il CBO mira a ottimizzare il budget, quindi a farci ottenere il massimo dei risultati e con meno “lavoro manuale”, ma probabilmente, come tutti i nuovi strumenti rilasciati da Facebook, ci metterà del tempo a stabilizzarsi e a dare il meglio.

Al momento sto testando la funzionalità e a breve ti saprò raccontare qualcosa di più circa la mia esperienza personale, ma, come detto, è inutile profondersi in critiche per quello che a breve sarà parte della nostra routine pubblicitaria, meglio investire il nostro tempo nello studiarlo, comprenderlo e farne un alleato.

Ti potrebbe interessare…


0.00 avg. rating (0% score) – 0 votes

Tu cosa ne pensi?

Commenti





Source link

show