Twitter vola in borsa e traina tutto il settore tech


Il mercato azionario americano ha vissuto una giornata d’oro grazie alle compagnie del tech. Guidato da Twitter, che ha registrato un aumento superiore al 15% in un solo giorno (15,47%, per l’esattezza), il mercato è risalito su tutti i segmenti, grazie a 53 titoli su 60 dell’Entrepreneur Index con il segno + a fine giornata.

dorsey

Guerra ai bot e più pubblicità

I risultati del terzo trimestre di Twitter, riferiti prima dell’apertura delle transazioni, hanno dato il via alle danze.

LEGGI ANCHE: Il papà di Virgin dà consigli a Elon Musk: “Twitta di meno e dormi di più”

Il numero complessivo degli iscritti alla piattaforma è diminuito come previsto, grazie anche alla lotta serrata a bot automatizzati e finti account, ma Twitter ha superato le stime di utili del 7% e ha registrato un aumento del 29% in ricavi pubblicitari.

Anche Microsft e Tesla sulla cresta dell’onda

Anche Microsoft ha riportato forti guadagni grazie al trend positivo.

 

Twitter non è stata però l’unica azienda a ispirare una certa fiducia sul mercato. Elon Musk ha presentato un terzo trimestre in attivo: Tesla ha registrato infatti un utile di 312 milioni di dollari in questo periodo di riferimento.

bill_gates4

LEGGI ANCHE: Gli rubano la Tesla ma lui registra i ladri e li mette su YouTube

Anche Ford torna all’attacco: pur in calo di bel il 30% quest’anno, nella giornata d’oro di Wall Street ha recuperato 9.9 punti percentuale.

Comcast ha invece ottenuto un ribasso del 5,04% nel prezzo delle sue azioni dopo aver riportato ottimi guadagni a inizio di giornata. Il titolo è in calo dell’11,4 percento dall’inizio dell’anno.

Ogni azione tecnologica ha registrato un guadagno per la giornata. Amazon.com, che insieme ad Alphabet Inc. segnalerà i guadagni dopo la chiusura del mercato, ha avuto il secondo più grande guadagno nel settore dopo Twitter, aumentando del 7,09%.

Amazon

Anche Alphabet Inc. (4,27 percento), Adobe Systems Inc. (6,07 percento) e salesforce.com (5,66 percento) hanno ottenuto notevoli guadagni. Netflix, in calo del 18% questo mese, è aumentato del 3,66%.

LEGGI ANCHE: Twitter aggiungerà una funzione per tonare alla visualizzazione classica (senza “i migliori tweet”)

Il biotech in ripresa

Alexion Pharmaceuticals ha avuto un grosso rimbalzo dopo il calo di quasi il 10 percento di ieri, guadagnando il 5,56%.

LEGGI ANCHE: Col Biotech avremo medicina personalizzata e agricoltura sostenibile (e un mercato enorme su cui investire)

Oggi Regeneron Pharmaceuticals era fuori dall’indice. Sebbene le azioni biotech, recentemente in calo, siano aumentate notevolmente, Regeneron ha perso il 4,11%.

 

Il mercato sembra spaventato dal fatto che la Food and Drug Administration non abbia approvato la versione di un farmaco che ha registrato vendite negli Stati Uniti per 3,7 miliardi di dollari l’anno scorso.





Source link

È morto Paul Allen, l’uomo che ha fondato Microsoft con Bill Gates


Il cofondatore di Microsoft, Paul Allen è scomparso a Seattle, all’età di 65 anni, per una serie di complicazioni legate al linfoma non-Hodgkin.

paul-allen

La scomparsa di Allen, annunciata attraverso un comunicato della Vulcan, la società fondata nel 1986, è avvenuta a causa di un tumore che ha origine nel sistema linfatico e provoca lo sviluppo di tumori da linfociti. “La famiglia e gli amici di Paul sono stati benedetti nell’esperienza del suo spirito, calore, generosità e profonda preoccupazione. Nonostante tutti i suoi impegni, c’era sempre tempo per la famiglia e gli amici. In questo momento di perdita e dolore per noi – e così tanti altri – siamo profondamente grati per la cura e la preoccupazione che ha dimostrato ogni giorno “, ha detto un una dichiarazione sua sorella Jody Allen.

L’annuncio solo due settimane fa

 

Solo due settimane fa, Allen aveva rivelato che il cancro, per il quale è stato trattato con successo nove anni fa, era tornato, scrivendo su Twitter che i suoi medici erano “ottimisti sul fatto che vedrò un buon risultato”.

SAN FRANCISCO, CA - APRIL 29: A Microsoft logo is seen during the 2015 Microsoft Build Conference on April 29, 2015 at Moscone Center in San Francisco, California. Thousands are expected to attend the annual developer conference which runs through May 1. (Photo by Stephen Lam/Getty Images)

SAN FRANCISCO, CA – APRIL 29: A Microsoft logo is seen during the 2015 Microsoft Build Conference on April 29, 2015 at Moscone Center in San Francisco, California. Thousands are expected to attend the annual developer conference which runs through May 1. (Photo by Stephen Lam/Getty Images)

Negli ultimi decenni, Allen era conosciuto per molte cose, tra cui il suo amore per lo sport, il suo amore per la musica e i giocattoli costosi, dai quali spesso creava collezioni.

Allen era il proprietario della squadra di Seattle Seahawks NFL, la squadra Portland Trail Blazers NBA ed era titolare del Major League Soccer club del Seattle Sounders FC. Chitarrista di grande talento, Allen ha anche collezionato un numero impressionante di chitarre nel corso degli anni, inclusi pezzi appartenuti a Jimi Hendrix e Woodie Guthrie.

Anche un grande filantropo

Noto per la sua filantropia, il pioniere del personal computing ha donato 30 milioni di dollari alla città di Seattle per costruire un complesso adibito a struttura di ricovero per 94 famiglie senzatetto o con basso salario. nel 2010 ha anche firmato il Giving Pledge, impegnandosi a donare più di metà della propria fortuna: un patrimonio netto di circa 20 miliardi di dollari.

Allen si è dimesso da Microsoft nel 1983 quando gli è stata diagnosticata per la prima volta la presenza di una non-Hodgkin, che è diventata più curabile negli ultimi anni ma può essere fatale se non viene diagnosticata precocemente o quando causa insufficienza respiratoria o infezioni.

p6nvZ7-bQWmKB2r0xXz5Vg_Paul-Allen-v-avo-a-Bill-Gates-vpravo-kedysi-a-dnes

Il rapporto controverso con Bill Gates

Ha incontrato per la prima volta il suo co-fondatore, Bill Gates, quando entrambi hanno frequentato la Lakeside School di Seattle. Allen aveva 14 anni all’epoca. Gates aveva 12 anni. Meno di un decennio dopo hanno creato Microsoft, ma quando Allen ha lasciato la società, la loro lunga amicizia era apparentemente a pezzi.

Nel 2011, Allen aveva infatti pubblicato un’autobiografia che dipingeva Gates come un uomo esigente e conflittuale. Tra le pagine, si leggeva anche che, mentre Allen stava combattendo il cancro nel 1982, il CEO del momento, Steve Ballmer, e Gates progettavano già di “derubare” il suo lavoro.

Gates e Allen avrebbero in seguito fatto pace, ricreando anche una classica foto del loro passato e replicando così, nel 2013, una posa del 1981. Gates ha dichiarato di avere “il cuore spezzato dalla scomparsa di uno dei miei più vecchi e cari amici, Paul Allen”.





Source link

La NASA usa la Realtà Aumentata per costruire il suo nuovo veicolo spaziale


La NASA ha scelto di utilizzare gli HoloLens di Microsoft per costruire il nuovo veicolo spaziale più velocemente. Come riportato dal MIT Technology Review, gli ingegneri incaricati della Lockheed Martin indosserebbero proprio gli HoloLens per assemblare parti della nuova capsula dell’equipaggio di Orion: una tecnologia in grado di sostituire un manuale di istruzioni da 1500 pagine.

microsoft

At the NASA Michoud Assembly Facility in Louisiana, Lockheed Martin technicians have completed construction of the first Orion capsule structure that will carry humans to deep space on Exploration Mission-2. Image courtesy of NASA (PRNewsfoto/Lockheed Martin)

Viti, bulloni e capsula finita

Nei visori, si spiega, gli addetti vedono scorrere gli ologrammi che mostrano i modelli creati tramite il software di progettazione tecnica. I modelli sono sovrapposti a pezzi già assemblati e le informazioni, come le istruzioni di serraggio, si spiega ancora, possono essere visualizzate proprio sopra i fori a cui sono pertinenti. Non da ultimo, gli addetti possono vedere come sarà il prodotto finito. I modelli virtuali attorno ai lavoratori sono anche codificati secondo i colori in base al ruolo della persona che utilizza l’auricolare.

microsoft

credits LOCKHEED MARTIN

Anche nello spazio

In realtà l’obiettivo finale è portare la realtà aumenta nello spazio, per fare in modo che gli astronauti svolgano in modo più intuitivo le operazioni di manutenzione.

Fra 5 anni

Secondo Brian O’Conner, Vice President of Production at Lockheed Martin Space Systems, è necessario che Microsoft apporti alcuni adattamenti di sviluppo della piattaforma e della portabilità degli HoloLens (utilizzati dai lavoratori per un massimo di 3 ore, poi diventano scomodi) ma ritiene anche che tra 5 anni “non credo si troverà una produzione efficiente che non abbia questo tipo di realtà aumentata ad assistere gli addetti”.





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di martedì 9 ottobre 2018


Google

Google ha nascosto un difetto di sicurezza nel suo Google+ che avrebbe rivelato alcune informazioni degli utenti, come nome, indirizzo email, professione, sesso ed età, anche quando questi dati erano stati classificati come privati. La notizia è stata riportata dal Wall Street Journal prima dell’annuncio della società di Mountain View, avvenuto ieri mattina con un post sul proprio blog aziendale. Google ha precisato di non avere prove che suggeriscano che gli sviluppatori di terze parti fossero a conoscenza del bug, attivo tra il 2015 e il 2018, o che ne abbiano abusato. La compagnia ha detto anche che ha risolto il bug a marzo 2018 poco dopo averne appreso l’esistenza. Secondo il WSJ che l’azienda ha scelto di non segnalarlo a causa del timore di sanzioni che avrebbero assimilato Google a Facebook (era appena scoppiato il caso Cambridge Analytica).

ninja

Microsoft

Microsoft ha sospeso l’aggiornamento di ottobre del suo sistema operativo Windows 10. Sembra che, una volta installato, cancelli alcuni dati e file di malcapitati utenti. “Abbiamo sospeso la distribuzione dell’October 2018 Update per Windows 10 (versione 1809) per tutti gli utenti mentre indaghiamo sulle segnalazioni isolate ricevuti da utenti che lamentano la perdita di file a seguito dell’aggiornamento”, si legge sulla pagina di supporto per l’October Update. L’aggiornamento aveva presentato in precedenza altri problemi, come l’incompatibilità con i più recenti processori di Intel.

Intel

Intel ha presentato i nuovi Core di nona generazione, microprocessori per PC fissi che si rivolgono a chi desidera assemblarsi da solo un computer per giocare o lavorare, ma anche a tutti i produttori di PC già assemblati che sono pronti a rinnovare la propria offerta. Fiore all’occhiello di questa nuova famiglia di CP è il modello Core i9-9900K, che porta a otto il numero di unità di elaborazione integrate nel processore.

Nasa

A violare il sito della Nasa nel 2013, sfruttando alcune falle del sistema per sostituire la home page, fu un ragazzino italiano appena ventenne. Lo hanno scoperto gli investigatori della Polizia Postale al termine di una lunga indagine coordinata dalla procura di Brescia che ha portato all’iscrizione nel registro di un disoccupato di Salò, che oggi ha 25 anni e che ha ammesso il suo ruolo e le sue responsabilità. Le accuse nei suoi confronti sono di accesso abusivo e danneggiamento a sistema informatico.

ninja

In agenda

COMUNICAZIONE DIGITALE – A circa un anno dalla presentazione ufficiale della prima edizione, Unicom insieme ad Assocom, FCP-Assointernet, Fedoweb, Fieg, IAB Italia, Netcomm e Upa presenta a Milano la seconda edizione del Libro Bianco sulla comunicazione digitale. Tra gli aggiornamenti è stato implementato ed approfondito il capitolo “Brand Safety e Brand Policy”. Sono stati inoltre inseriti i nuovi dati sugli investimenti pubblicitari nel capitolo “Trasparenza su investimenti pubblicitari” e ampliata la lista delle società di ad-verification nel capitolo “Viewability”.
terremoti

Le notizie che forse ieri ti sei perso

Amazon potrebbe aprire a Londra i primi negozi in Europa senza cassieri
Potrebbe essere il Regno Unito il primo Paese in cui Amazon aprirà i suoi supermercati senza casse e cassieri. Lo ha scoperto il Sunday Times

Burger King, Moks e A1 Digital: i migliori annunci stampa della settimana
Il lunedì inizia con la carica di creatività della rubrica dedicata ai migliori annunci stampa dalle agenzie di tutto il mondo

Una scuola di Assisi sperimenta un sistema di rilevazione che prova a prevedere i terremoti
Alla Maker Faire Rome 2018 potremo capire come sia possibile ipotizzare l’arrivo dei terremoti attraverso le osservazioni dei campi elettromagnetici

Piaggio sceglie il Web per lanciare la vendita della Vespa Elettrica
La Vespa in versione green si può prenotare da oggi in due siti. Sarà nei concessionari da novembre: 100 km di autonomia con una ricarica di 4 ore

ninja

Una scuola di IPO per 11 (ex) startup italiane
La scaleup italiana attiva nell’automotive è stata selezionata, insieme ad altre 135 europee, per TechShare di Euronext, corso di preparazione alla IPO

Un progetto riporta in vita le antichità con la stampa 3D
Tra le tante applicazioni della stampa 3D, oggi in Italia una delle più interessanti è legata al restauro dei beni cultura

Come funziona il rover da esplorazione progettato dai makers del Sapienza Technology Team
Un rover da esplorazione che registra dati e li trasmette: dall’Università La Sapienza di Roma un esempio di come si sviluppano nuove competenze

Dai satelliti al software dell’Apollo, così i maker hanno conquistato lo spazio
Maker Faire Rome 2018 dedica allo Spazio un intero padiglione e una mostra. Alla opening conference interviene Don Eyles, il papà del software dell’Apollo

ninja

Abbiamo visitato la Milan Games Week 2018 e vi raccontiamo le ultime novità tra eSport e innovazione
Milan Games Week 2018 si è appena conclusa, ecco le novità più interessanti e i videogame più attesi tra Pokemon e realtà virtuale

Facebook ha lanciato un display per le videochat da salotto
Portal di Facebook è una sorta di smart display, simile all’Echo Show di Amazon, equipaggiato con una videocamera dotata di intelligenza artificiale





Source link

Microsoft ha messo online i codici sorgente di MS-DOS come open source


Microsoft ha rilasciato MS-DOS 1.25 e MS-DOS 2.0 come open source: un passo storico del sistema operativo che ha scritto la storia dell’informatica.

Cosa c’è nei file messi su GitHub da Microsoft

Non è la prima volta che il sistema operativo è stato rilasciato come progetto open source ma, secondo Microsoft, questa volta sarà molto più semplice sfruttare i dati messi a disposizione. L’azienda ha infatti dichiarato: “Stiamo caricando MS-DOS come open source su GitHub per renderlo facilmente fruibile da tutti”. Qui è possibile consultare la repository.

1200px-MS-DOS.svg

LEGGI ANCHE: Microsoft vuole mettere LinkedIn dentro Outlook e le altre app di Office

L’azienda fondata da Bill Gates ha caricato i sorgenti delle due versioni del sistema operativo su GitHub, offrendo la possibilità di consultare il codice del sistema operativo, scritto in  assembly per Intel 8086, senza alcuna particolare limitazione.

micro

LEGGI ANCHE: Anche Microsoft nella corsa per costruire l’auto del futuro: arriva l’accordo con Volkswagen

Nell’annuncio ufficiale, sono state rese note alcune particolarità di uno dei sistemi operativi più famosi al mondo:

  • Tutto il codice sorgente per MS-DOS 1,25 e 2,0 è stato scritto nel codice assembly 8086
  • Il codice sorgente per la versione iniziale di 86-DOS risale al 29 dicembre 1980
  • Il codice MS-DOS 1,25 risale al 9 maggio 1983 e comprende solo 7 file sorgenti, inclusa la shell della riga di comando MS-DOS originale: COMMAND.ASM
  • MS-DOS 2.0 risale all’incirca al 3 agosto 1983 ed è cresciuto considerevolmente in termini di sofisticazione (e dimensioni del team); è composto da 100 file .ASM
  • Ci sono alcuni file interessanti di documentazione (.TXT, .DOC). Molti meritano una lettura

LEGGI ANCHE: Microsoft lancia un programma di formazione sulle competenze digitali da 100 milioni

“Divertiti ad esplorare le basi iniziali di una famiglia di sistemi operativi che hanno contribuito ad alimentare l’esplosione della tecnologia informatica su cui tutti noi facciamo affidamento per così tanto della nostra vita moderna!” è l’invito finale di Microsoft ad approfittare della possibilità di studiare una risorsa così interessante.

 





Source link

AQuest vince il premio Engage Your Customers all’Inspire 2018 di Microsoft


La collaborazione tra AQuest e Microsoft è nuovamente fonte di soddisfazione e successo. A luglio di quest’anno, il progetto Peekabeat, realizzato da AQuest per Pollso Ltd. con il supporto delle tecnologie Microsoft, è stato premiato nella categoria “Engage Your Customers – GOLD AWARD”. Il premio è stato ritirato da Michele Mormile, Senior Partner e Vice President dell’agenzia, durante l’evento “Inspire 2018” che si è tenuto a Las Vegas.

microsoft

Inspire 2018

L’incontro annuale di Microsoft con i suoi partner ha puntato un faro sui più innovativi elementi di digital transformation che stanno letteralmente rivoluzionando i business e la società: cloud computing, intelligenza artificiale, sicurezza, mixed reality e Internet of Things. In prima linea ad adottare queste tecnologie ci sono le aziende Microsoft partner, una selezione delle quali ha avuto l’onore di partecipare a questo evento e tra di esse c’era anche AQuest, certificata Microsoft Gold Partner e Partner Microsoft Azure. 

Coinvolgimento dell’utente

AQuest è stata l’unica azienda partner di Microsoft Italia ad aver ricevuto il premio “Engage Your Customers”, particolarmente distintivo in quanto non si sofferma su un merito puramente commerciale, ma di coinvolgimento dell’utente. Non solo l’atto in sé di ritirare il premio, ma la partecipazione stessa a Inspire è stata fonte di orgoglio per AQuest, che ha potuto accedere all’evento alla presenza di tutti gli executive Microsoft, con oltre 700 sessioni di approfondimento sulle nuove soluzioni MS, sentendosi ancor più parte della “grande famiglia” di Redmond.

Peekabeat, il progetto vincitore

Il progetto vincitore, Peekabeat, è un’app sviluppata per iOS che, grazie all’intelligenza artificiale (Microsoft Azure AI), è in grado di generare una playlist musicale in base al mood della persona che si scatta un selfie. In pochi secondi l’app analizza oltre 200 punti sul viso immortalato dalla fotocamera dello smartphone (Microsoft Cognitive Services Emotion Recognition Client Library); i dati vengono quindi processati nel cloud (Microsoft Azure) e il risultato restituito è una serie di valori associati a 13 tag, che a sua volta Spotify usa per classificare i brani.

La nuova unit lab di AQuest

Peekabeat si rivolge al target dei millennial, che usano già abitualmente app e strumenti incentrati su intelligenza artificiale e gamification. Proprio quest’ultimo aspetto è uno di quelli su cui AQuest sta puntando maggiormente, grazie alla recente creazione di Lab: la nuova unit si occupa di prototipare nuove fome di comunicazione, attraverso progetti R&D che si traducono in un concreto ed innovativo impatto sulle aziende clienti.

Le testimonianze

Il commento di Michele Mormile dopo aver ascoltato il keynote di Satya Nadella, CEO di Microsoft, focalizzato sull’impegno dell’azienda ad accelerare il cambiamento digitale delle imprese: “La digital transformation impatta su ogni momento della nostra vita e AQuest è fiera di essere artefice attiva del cambiamento. Mi piace pensare in particolare che Azure costituisca per noi una grande scatola di mattoncini Lego, fatta di tecnologie e tools pronti ad essere plasmati sulle esigenze dei nostri clienti. Le potenzialità dell’intelligenza artificiale sono straordinarie: per le aziende è uno strumento per migliorare efficienza, qualità delle interazioni, sostenibilità e valore generato. Ma l’AI è anche occasione per creare valore umano, evolvere le professionalità esistenti, rendere migliore il luogo di lavoro e accorciare la distanza tra Brand e persone.”

Accesso alle potenzialità della tecnologia

Mormile ha ricevuto il premio da Vincenzo Esposito, Direttore Divisione Enterprise Commercial, e Fabio Santini, Direttore Divisione One Commercial Partner & Small, Medium and Corporate di Microsoft Italia. “Siamo particolarmente felici di questo riconoscimento per AQuest, che testimonia la capacità di innovazione del nostro partner”, ha dichiarato Fabio Santini. “Microsoft ha l’obiettivo di ampliare i vantaggi dell’Artificial Intelligence a tutti i livelli e grazie all’applicazione sviluppata da AQuest è possibile in maniera semplice e divertente accedere alle grandi potenzialità che oggi le tecnologie offrono.”  





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di martedì 2 ottobre 2018


Facebook

Facebook rischia in Europa una multa fino a 1,63 miliardi di dollari per l’attacco hacker che ha colpito almeno 50 milioni di account mettendo a rischio i dati personali degli utenti. E’ quanto riporta il Wall Street Journal, sottolineando che la commissione per la tutela dei dati irlandese, che è l’autorità primaria per la privacy per Facebook, ha chiesto nei giorni scorsi maggiori informazioni sulla natura e sulla portata dell’attacco. La multa scatterebbe se le autorità rinvenissero che Facebook ha violato le norme sulla privacy europee.

ninja

Da sinistra a destra: il co-founder di Instagram Mike Krieger, Adam Mosseri, il co-founder di Instagram Kevin Systrom

Instagram

Adam Mosseri è il nuovo CEO di Instagram. Lo hanno annunciato in un post i fondatori in uscita dalla società, Kevin Systrom e Mike Krieger. Il nome di Mosseri, manager vicino a Mark Zuckerberg e fino a ora vicepresidente di Instagram con delega allo sviluppo del prodotto, era stato indicato tra i possibili successori di Systrom. “Siamo entusiasti di affidare le redini a un leader con un forte forte background di progettazione e una profonda comprensione dell’importanza della comunità”, hanno detto i due fondatori. “Questi sono i valori e i principi che sono stati essenziali per noi su Instagram dal giorno in cui abbiamo iniziato, e siamo entusiasti che Adam li porti avanti”.

LEGGI ANCHE: I founder di Instagram Kevin Systrom e Mike Krieger lasciano la società

Cybersecurity

A Taranto l’Università degli Studi di Bari, grazie anche ad un co-finanziamento della Regione Puglia, ha attivato un laboratorio di cybersecurity, definito dai promotori “al momento, probabilmente, il più performante in Italia, dotato di tecnologia Ibm con estensioni cognitive Watson, quindi siamo al top della tecnologia”. Lo ha spiegato Danilo Caivano, docente barese del dipartimento di informatica, presentando per la prima volta il progetto nel convegno dal titolo ‘The hack spac’”, organizzato dal dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Bari nell’ambito del mese europeo della sicurezza informatica che si è inaugurato ieri.

ninja

Microsoft

E’ il primo novembre la data in cui Microsoft interromperà in modo definitivo il supporto a Skype Classic, cioè alla settima versione della app. La compagnia di Redmond ha annunciato che lo stop al supporto di Skype 7, e versioni precedenti, sarà all’inizio di novembre su computer, e il 15 novembre su smartphone e tablet. Gli utenti dovranno passare alla nuova versione, Skype 8.  L’annuncio arriva come aggiornamento a un post dei mesi scorsi, in cui la società preallertava gli utenti sulla fine del supporto, e assicurava che le funzioni più apprezzate di Skype 7 sarebbero state inserite anche in Skype 8. Di recente, si legge, è stata introdotta la possibilità di registrare le conversazioni, mentre è in fase di rilascio la ricerca all’interno delle conversazioni. Skype 7 potrebbe continuare a funzionare “ancora per un po’” dopo la cessazione del supporto, l’azienda “incoraggia gli utenti a fare l’aggiornamento per evitare qualsiasi interruzione”.

Ferrero e Google

Per i giovani professionisti con alle spalle un percorso universitario in economia e un’esperienza lavorativa tra 2 e 12 anni, Ferrero e’ l’azienda più desiderata e attrattiva del panorama lavorativo italiano, davanti a Google, unica non italiana tra le prime cinque. Nella top 10 ci sono anche Intesa Sanpaolo, UniCredit, Ferrari, Apple, Luxottica, Amazon, Poste Italiane e Bnl – Gruppo Bnp Paribas. E’ quanto emerge dalla classifica Most Attractive Employers Italy 2018 stilata da Universum Global, società svedese leader nell’employer branding, secondo cui Ferrero si conferma anche prima in tutto il mercato del largo consumo, sia per i professionisti sia per gli studenti.

Big G. In particolare, Google è la più desiderata per i professionisti con formazione scientifico-ingegneristica (davanti ad Amazon, Microsoft e Ferrero), mentre gli studenti di economia preferiscono Google, Apple e Ferrero. Nelle prime 30 posizioni si trovano Ferrovie dello Stato, gruppi dell’auto (Lamborghini e Bmw), del lusso (Lvmh, Giorgio Armani), banche (Ubi Banca, Deutsche Bank, JPMorgan), società di consulenza/revisione/servizi professionali (Deloitte, Ey, The Boston Consulting Group, Kpmg, McKinsey & Co) e dei consumi (Eataly, P&G, Barilla, L’Oreal, Calzedonia, Coca-Cola e Unilever).

ninja

Gli appuntamenti di oggi

SINGULARITYU ITALY SUMMIT – Oggi e domani in programma la seconda edizione italiana di SingularityU Italy Summit, evento promosso da Singularity University per favorire e incoraggiare lo sviluppo di una cultura locale dell’innovazione e delle tecnologie esponenziali. La due giorni internazionale, ospitata a Milano presso il MiCo Milano Congressi, conterà quest’anno su due partner di eccezione: PwC, Main Sponsor e Connexia, Media Partner.

LEGGI ANCHE: Milano torna centro della singolarità e dell’innovazione con il SingularityU Italy Summit

Grow with Google. Fino al 7 ottobre a Palazzo dei Giureconsulti in via dei Mercanti 2 a Milano, Google presenta Grow with Google Milano, una settimana di attività culturali e di formazione dedicate alla città. Sarà possibile visitare la mostra interattiva Milano città d’arte, esperienza digitale per rivivere le bellezze artistiche con le tecnologie di Google Arts & Culture e sarà anche possibile partecipare a un corso gratuito dedicato alle piccole e medie imprese del territorio per aiutarle ad acquisire le competenze digitali e far crescere la loro attività.

ninja

Le notizie che forse ieri ti sei perso

Elon Musk non sarà più presidente di Tesla
Il tweet sconsiderato sul progetto di ricomprare le azioni di Tesla è costato la poltrona ad Elon Musk. Chiuso un accordo con la SEC dopo l’accusa di frode

Instagram ci rende infelici e ci fa sentire inadeguati
Ansia, depressione e altri disagi mentali: Instagram ha un impatto negativo sui giovani facendoli sentire infelici e inadeguati

ninja

Ecco i pionieri del futuro che apriranno la Maker Faire Rome
Alla Opening Conference del 12 ottobre protagonisti i maker che costruiscono il futuro: tra loro Banzi e il programmatore del codice delle missioni Apollo

Samsung, Amnesty e Stresser Colchões: i migliori annunci stampa della settimana
I migliori annunci stampa della settimana dalle agenzie di tutto il mondo per iniziare la settimana con la giusta dose di creatività

Android story, dall’inizio incerto a vero (e unico) rivale del sistema operativo di Apple
Il sistema operativo mobile di Google ha fatto molta strada da quando Larry Page e Sergey Brin hanno presentato il primo telefono Android, il T-Mobile G1

ninja

Anche Microsoft nella corsa per costruire l’auto del futuro: arriva l’accordo con Volkswagen
In base all’accordo, la tecnologia cloud di Azure di Microsoft connetterà l’intera flotta di auto del costruttore automobilistico tedesco

La differenza tra branded content e content marketing spiegata attraverso un esempio concreto
Comunicare valori e mission del brand attraverso i contenuti sia di intrattenimento che di informazione è necessario per entrare in contatto con le persone

Teads firma un accordo in esclusiva con The Economist Group
L’accordo prevede la distribuzione di pubblicità outstream, video e viewable display, su tutti i media brand del gruppo editoriale

Su Google Immagini ora c’è il tag con le informazioni sul proprietario e la licenza d’uso
Vietato rubacchiare foto in giro: Google potrà visualizzare informazioni riguardo la paternità e l’utilizzo dei contenuti nella ricerca per Immagini





Source link

Anche Microsoft vuole l’auto del futuro e si allea con Volkswagen


Dal 2020 oltre 5 milioni di nuovi veicoli Volkswagen arriveranno ogni anno nei mercati di tutto il Mondo con sistemi di connessione totale, attraverso il Volkswagen Automotive Cloud, basato sulla piattaforma Azure di Microsoft. E’ uno degli effetti dell’accordo tra Volkswagen e Microsoft, a cui le due società hanno dato via libera. Obiettivo per entrambi i colossi è collaborare alla trasformazione digitale e alla rivoluzione della mobilità.
Turbo. ”La partnership strategica con Microsoft darà alla nostra trasformazione digitale l’effetto di un turbo – ha detto Herbert Diess, CEO di Volkswagen AG – Volkswagen, come una delle più grandi Case automobilistiche del mondo e Microsoft con la sua esclusiva competenza tecnologica, sono partner straordinariamente ben assortiti. Insieme, giocheremo un ruolo chiave nel plasmare il futuro della mobilità automobilistica”.

LEGGI ANCHE: Il piano di Google per portare Android sulle auto di Renault, Nissan e Mitsubishi

microsoft

Nuovo centro per lo sviluppo

L’accordo prevede anche un nuovo centro per lo sviluppo nel settore automobilistico vicino a Redmond negli Stati Uniti, dove Microsoft ha la sua sede centrale. L’edificio, una volta a regime, disporrà di circa 300 ingegneri. Il colosso della tecnologia assisterà Volkswagen in alcuni ambiti strategici, tra cui gestione delle risorse umane, assunzioni e servizi di consulenza.





Source link

Microsoft vuole mettere LinkedIn dentro Outlook e le altre app di Office


Microsoft vuole integrare totalmente LinkedIn nelle app di Office. Mentre alcune funzioni del social network dedicato al lavoro sono già attive, come in Word, ora le funzionalità di LinkedIn saranno presenti anche in Outlook, che verrà aggiornato con la condivisione del calendario, dei documenti e delle informazioni sui contatti.

micro

LinkedIn sarà anche dentro Excel

Gli utenti di Outlook saranno presto in grado di co-firmare documenti con i contatti di LinkedIn in Word, Excel e PowerPoint, rendendo più semplice la condivisione di documenti ad amici o colleghi di lavoro presenti su LinkedIn.

LEGGI ANCHE: Il vero networking non si fa (solo) con i bigliettini da visita e i profili LinkedIn

linkedin

L’integrazione si estenderà anche alle directory aziendali aziendali. Alcune di queste informazioni erano precedentemente disponibili grazie a un plug-in di LinkedIn per Outlook Social Connector, ma questa integrazione permetterà la visualizzazione di LinkedIn direttamente all’interno di Outlook.

LEGGI ANCHE: Ecco il LinkedIn per i talenti di Arya Stark (Game of Thrones)

Quanto vale LinkedIn per Microsoft

Microsoft ha acquisito LinkedIn per 26 miliardi di dollari poco più di due anni fa, e la società ha lentamente integrato il social network incentrato sull’attività aziendale nei suoi prodotti. LinkedIn è ancora in gran parte gestito come una società separata all’interno di Microsoft, e nel trimestre più recente ha generato 1,4 miliardi di dollari di entrate (+ 37% su base annua).





Source link

il kit per le aziende


Un sistema per addestrare l’assistente vocale a portare a termine compiti all’interno dell’azienda, e con Bot Framework Sdk V4 rendere ancora più naturale l’interazione fra chatbot ed esseri umani. In chiave business. Si chiama Cortana Skills Kit per Enterprise e Microsoft l’ha presentato oggi nel corso della conferenza per professionisti It Ignite 2018, a Orlando.

IA, IoT e sicurezza. Oltre al kit business di Cortana l’azienda di Redmond ha svelato una serie di soluzioni tecnologiche che hanno al centro tre temi: la sicurezza, l’intelligenza artificiale e l’Internet delle Cose. Con migliaia di organizzazioni che ogni giorno devono difendersi da attacchi informatici sempre più subdoli, la cybersecurity oggi è un aspetto prioritario. Considerando che quasi tutti i data breach hanno origine dalla compromissione delle chiavi segrete, Microsoft ha presentato una nuova modalità di autenticazione senza password tramite l’applicazione Authenticator, ora compatibile con le applicazioni integrate con Azure Active Directory.

microsoft

Il progetto

Nel giro di pochi anni, la voce ha preso il centro della scena nella smart home. Grazie ai progressi nell’elaborazione in linguaggio naturale che hanno generato assistenti digitali come Siri e Amazon Echo, ora è una cosa normale comunicare con i nostri device in casa. Sul posto di lavoro però siamo indietro. Un recente sondaggio, citato da Mashable, ha rilevato che solo il 28% delle aziende utilizza la voce nei propri flussi di lavoro. Lo stesso sondaggio afferma che l’85% delle aziende prevede di integrare la voce entro il prossimo anno. E mentre Alexa e Google Assistant dominano il mercato degli altoparlanti intelligenti per i consumatori, le aziende sembrano guardare con grande aspettativa Cortana e alle nuove possibilità per il business.

Per fare cosa

Cortana Skills Kit per Enterprise consente alle aziende di sfruttare l’elaborazione in lingua naturale dell’assistente digitale per sviluppare competenze personalizzate per il proprio business: consente cioè ai flussi di lavoro aziendali di esprimersi attraverso la voce naturale. Con Cortana potrebbe diventare semplice settare un  comando vocale anche per fare in modo che un bot prenda il controllo della conversazione e determini se l’utente ha bisogno di attenzione da parte di un umano. Cortana può anche semplificare le cose come pianificare le riunioni con i colleghi coordinando i tempi su diversi calendari.

Microsoft

Javier Soltero, Microsoft’s corporate vice president che supervisiona lo sviluppo di Cortana – Photo by John Brecher for Microsoft

Come gli smartphone. Il kit di Cortana per le aziende sono uno dei primi aggiornamenti importanti dell’assistente vocale, da quando Javier Soltero è entrato a far parte del team di sviluppo. “L’obiettivo è rendere le competenze di Cortana e il computing conversazionale sul posto di lavoro di facile utilizzo come lo sono oggi gli smartphone, senza lunghe presentazioni o manuali dell’utente” ha detto Soltero QUI.





Source link

show