Il round da 1 milione di Wash Out, la startup dell’autolavaggio a domicilio


Nuovo aumento di capitale per Wash Out, la startup fondata da Christian PadovanAndrea Galassi e Alessandro Morlin, che offre un servizio di lavaggio di auto e moto a domicilio effettuato utilizzando prodotti ecologici e waterless. Wash Out ha chiuso un round di finanziamento da 1 milione di euro che ha visto la partecipazione di nuovi investitori fra cui Telepass, il cui ingresso nell’azionariato della società è l’epilogo di un accordo che già permette ai clienti della app Telepass Pay di usufruire dei servizi offerti dall’impresa innovativa uscita da Speed MI Up, l’incubatore di Università Bocconi, Camera di Commercio e Comune di Milano. Wash Out ha all’attivo altri round di investimento. Nel 2018 ha vinto il programma di accelerazione BHeroes, aggiudicandosi un investimento di 800 mila euro.

credits www.facebook.com/washout2016

Bocconi e Speed MI Up

“La Bocconi e Speed MI Up sono stati i primi a credere in noi e ci hanno aiutati a strutturarci e crescere – ha spiegato Christian Padovan – l’investimento da parte di un grosso gruppo italiano come Telepass è un’ulteriore tappa nel nostro percorso. Dietro all’accordo c’è la volontà di facilitare l’utente nel rapporto quotidiano con il proprio autoveicolo”.

Come funziona Wash Out

Il cliente non deve essere presente. Si limita a prenotare e pagare tramite smartphone. Il lavaggio viene effettuato nel giorno e nell’ora desiderati là dove il veicolo è posteggiato, su strada. Wash Out è operativa a Milano, Roma, Torino e Firenze. Tra gli obiettivi, l’espansione in altre città italiane e all’estero.

 

 

 

 

 





Source link