Huawei, la ‘guerra’ Usa-Cina, l’arresto di Meng Wanzhou. Il punto


L’arresto in Canada di Meng Wanzhou, CFO di Huawei, nonché figlia del founder e CEO della multinazionale tech, non solo ha scosso la comunità imprenditoriale internazionale, ma ha sollevato anche il timore che la tregua nella guerra commerciale USA-Cina possa terminare molto rapidamente. L’arresto di Meng è avvenuto per volere delle autorità Usa ed è collegato alle indagini presunte violazioni delle sanzioni commerciali statunitensi all’Iran. E’ un caso politico. Il governo cinese ha chiesto a Canada e Stati Uniti di “chiarire immediatamente” le ragioni dell’arresto della Chief Financial Officer di cui esige il rilascio immediato e la protezione dei diritti legittimi. Questi i fatti.

LEGGI ANCHE: Terremoto Huawei: nei guai Meng Wanzhou, CFO e figlia del founder

Huawei

Il centro R & D di Huawei presso il campus di Shenzhen

I numeri di Huawei

Huawei prima di tutto è il più grande fornitore al mondo di apparecchiature di rete per telecomunicazioni e il secondo più grande produttore di smartphone, con un fatturato di circa 92,5 miliardi dollari (al 2017) in crescita del 15,7% sul 2016.  Nel 2017, il produttore cinese ha continuato a investire in innovazione raggiungendo 13,8 miliardi di dollari, il 17,4% in più rispetto al 2016. La spesa totale dell’azienda per attività di ricerca e sviluppo nell’arco degli scorsi dieci anni ammonta a oltre 60,4 miliardi di dollari. A differenza di altre grandi aziende tecnologiche cinesi, svolge gran parte dei suoi affari all’estero ed è leader di mercato in molti paesi in Europa, Asia e Africa. La compagnia è stata fondata nel 1987 da Ren Zhengfei, ex ufficiale militare. Il quartier generale della compagnia (attiva in 170 Paesi, 180 mila addetti) è situato nel centro tecnologico cinese meridionale di Shenzhen.

Il successo di Huawei

La società era nata per gestire le vendite di un produttore di centrali telefoniche per uso privato ad Hong Kong. La raccolta di dati e informazioni su questi prodotti permise molto presto ai vertici di iniziare a produrre delle centrali proprie: questi apparecchi ottennero un grande successo nei piccoli villaggi e nei centri urbani cinesi di periferia. Presto la produzione si spostò anche su apparecchi appositamente studiati per hotel e piccole industrie. In poco tempo, durante i primi anni ’90, queste apparecchiature ottennero sempre più successo, spingendo Huawei verso la creazione del suo primo centralino digitale, uno dei più importanti e potenti di sempre sul mercato cinese. L’azienda divenne presto una delle realtà più in vista del settore e la crescita portò i vertici verso l’immancabile quanto inevitabile espansione internazionale. Oggi Huawei continua ad espandersi in nuove aree, tra cui lo sviluppo di chip, di tecnologie di intelligenza artificiale e di cloud computing.

Perché è considerata un pericolo

Secondo l’intelligence Usa, Huawei è legata al governo cinese e le sue attrezzature contengono backdoor utilizzate da spie governative. Nessuna prova è stata prodotta pubblicamente e l’azienda ha ripetutamente negato le affermazioni, ma alcuni governi hanno vietato le apparecchiature della società. Non solo. La preoccupazione legata anche allo sviluppo di reti mobili di quinta generazione (5G), in cui Huawei è all’avanguardia.

Qui Usa

Il governo degli Stati Uniti ha intrapreso una serie di misure per bloccare l’azienda: tra cui vietare gli acquisti governativi di dispositivi Huawei e negare l’aiuto del governo a qualsiasi vettore che utilizzi apparecchiature Huawei. Al punto che, già da inizio anno, operatori del calibro Verizon Communications e AT & T hanno chiuso le trattative per distribuire gli smartphone della multinazionale cinese. Una scelta su cui si sono allineati anche alcuni paesi alleati degli Stati Uniti. Australia e Nuova Zelanda, per esempio, hanno recentemente vietato a Huawei di costruire reti 5G.

Che succede ora

Va detto che le indagini sulle sanzioni che hanno portato all’arresto di Meng Wanzhou sono precedenti alla guerra commerciale in corso tra Usa e Cina. I tempi dell’arresto hanno però complicato i termini della vicenda, che si incastra nella tregua raggiunta da presidenti Trump e Xi. E i mercati finanziari hanno subito il contraccolpo, proprio per il timore che l’arresto potesse far naufragare la tregua. Al momento non c’è alcuna prova che si tratti di una deliberata provocazione da parte degli Stati Uniti. E ora? Un divieto di acquisti di componenti statunitensi, come quello temporaneamente imposto a ZTE, sarebbe devastante, ma non vi è alcun motivo immediato per suggerire che ciò accadrà.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *