fra algoritmi e manipolazione. Il punto con il super esperto Menny Barzilay


I nostri dati possono essere utilizzati per manipolare il nostro processo decisionale? Può un’agenzia russa top-secret influenzare l’esito delle elezioni presidenziali americane? I sistemi oggi possono analizzare il nostro comportamento fino al punto in cui possono prevedere ogni mossa che faremo? Privacy e Cybersecurity, i nostri dati. Di questo parlerà  l’esperto di sicurezza informatica di fama internazionale e divulgatore dell’innovazione Menny Barzilay, nel corso di un talk in programma il 30 ottobre alla Camera di Commercio di Roma, in piazza di Pietra, alle 17.30 (Sala del Tempio di Adriano). QUI per registrarsi e partecipare.

privacy

Algoritmi e private data mining

Nel corso dell’appuntamento, organizzato in collaborazione con l’Ambasciata d’Israele e l’Università Roma Tre, Barzilay entrerà nel dettaglio degli algoritmi, lo sviluppo dei quali permette di prevedere ciò che le persone faranno negli scenari più diversi, delle società di private data mining in costante crescita, e di come tanti aspetti privati delle nostre vite stanno diventando, trasparenti.

Privacy e cybersecurity

Menny Barzilay è uno dei maggiori esperti israeliani di privacy e cybersecurity. Consulente strategico per le principali aziende di tutto il mondo e per Stati e governi, è membro del comitato consultivo di diverse società di startup tra cui Cycruro (Automotive cyber security) e DDay Labs (Ai Cyber Security). E’ anche co-founder e CEO di FortyTwo Global, Cyber Security Professional Global Services (Israele) e partner e co-founder di FortyTwo R & D Labs (India). E’ anche CTO del Centro interdisciplinare di ricerca sul Cyber dell’Università di Tel Aviv e il presidente di Cympire, startup di sicurezza informatica focalizzata sulle tecnologie per lo sviluppo delle capacità. Non solo. È un ex CISO nei servizi di intelligence delle Forze di Difesa israeliane e ha lavorato presso il Gruppo Bank Hapoalim in varie posizioni, tra cui Capo del dipartimento IT Audit.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *