dagli sticker per le domande su Instagram ai QR code su LinkedIn


Celebriamo il primo venerdì di luglio (e quindi l’avvicinarsi della tanto sognata e attesa pausa estiva) con la nostra rubrica Week in Social, che raccoglie tutte le novità dal mondo dei social media introdotte questa settimana.

Tra Instagram, Facebook e WhatsApp possiamo affermare che Mark Zuckerberg si è dato parecchio da fare, mentre LinkedIn cerca di trasformare le conversazioni offline in connessioni online grazie al QR: vediamo insieme quali sono tutte le nuove funzionalità che possiamo testare nel weekend.

Su Instagram gli sticker per le domande e per la musica

Partiamo con il primo aggiornamento, forse il più interessante per i marketer, ovvero l’introduzione di un nuovo sticker nelle Instagram Stories che permette agli utenti di porre una domanda a risposta aperta ai proprio follower.

Questa nuova feature, al momento ancora in fase di testi ma già disponibile per alcuni utenti in Italia, renderà le Stories ancora più interattive, rispetto all’utilizzo del sondaggio a risposta multipla.

WeekInSocial1

Anche Luca La Mesa, Top Teacher Ninja Academy ha commentato la novità:

“Una delle tante novità di Instagram per rendere più interattive le Storie. Gli utenti si stanno abituando sempre di più a consultarle e i creator stanno sperimentando sempre nuove modalità di coinvolgimento”.

Rimaniamo in ambito Instagram Stories ma cambiamo musica! Anzi, forse è meglio dire aggiungiamo: grazie a un nuovo sticker sarà possibile infatti scegliere un brano da utilizzare come “colonna sonora” della vostra Storia. Non vedete l’ora che questa funzione arrivi anche in Italia, vero?

Su questo tema, Luca La Mesa pensa che:

“Facebook sta facendo grandi passi avanti negli accordi musicali e la possibilità di estendere questa funzionalità anche ad Instagram è un grande regalo per tutti noi creatori di contenuti”.

SocialMediaLiveProgram-NM_600x420

LEGGI ANCHE: Instagram aggiunge la musica alle Stories, ecco come fare

Infine, Instagram ti aiuta a orientarti nel feed con la nuova notifica “You’re all Caught Up” ovvero “Non hai nuovi contenuti da vedere”, un messaggio che ti informa quando hai visto tutti i nuovi post pubblicati nelle ultime 48 ore dai profili che segui.

Sappiamo che può essere difficile tenere traccia dei contenuti già visualizzati [soprattutto dopo l’aggiornamento dell’algoritmo n.d.r.]. Con questo messaggio avrai una migliore comprensione del tuo feed e saprai che non hai perso foto o video recenti”, scrive proprio Instagram nel comunicato stampa pubblicato sul proprio blog.

WeekInSocial2

Facebook mostra tutti gli annunci attivi delle pagine

Passiamo ora a Facebook, che continua il suo impegno in ambito di trasparenza e protezione della privacy dei propri utenti rilasciando una nuova feature che permetterà a chiunque di vedere quali sono le inserzioni pubblicitarie attive di una Pagina. Nello specifico, nella nuova sezione “Info e Annunci” saranno visualizzabili gli annunci che una Pagina pubblica su Facebook, Instagram o Messenger e gli utenti avranno la possibilità di segnalare qualsiasi pubblicità sospetta con un clic su “Segnala annuncio”.

Luca La Mesa dice che questa è:

“Sicuramente la notizia più importante della settimana. All’interno del Social Media LIVE Program abbiamo subito fatto un esercizio per analizzare le pubblicità dei principali brand di moda e fatto un confronto con i più importanti brand coinvolti nei Mondiali di Calcio in Russia. Consiglio a tutti di integrare i propri report social mensili con una sezione sull’analisi delle pubblicità della concorrenza”.

WeekInSocial3

Vi sembra di passare troppo tempo della vostra vita su Facebook? La piattaforma sta testando una nuova funzionalità chiamata “Your Time on Facebook” che vi consentirà di monitorare le ore trascorse sul Social e pensare a un eventuale Digital Detox, in caso risultino essere troppe. Si tratta nello specifico di una piccola dashboard che raccoglie i minuti spesi su Facebook, divisi per giornate, dove è possibile impostare dei limiti di tempo che, una volta raggiunti, vi impediranno automaticamente di accedere alla piattaforma.

Basterà questo per fermare la dipendenza da smartphone? Luca commenta così:

“Nel 2016 durante il programma Hive@Harvard abbiamo parlato molto di Digital Detox e sono a favore di tutti gli strumenti che permettano agli utenti di prendere consapevolezza del tempo speso sui social. Ricordo che quando Microsoft lanciò la prima Xbox Bill Gates impostò un timer per limitare il tempo che il figlio dedicava ai videogiochi”.

WeekInSocial4

WhatsApp introduce una novità per i gruppi

L’ultima novità di questa settimana riguarda l’app di messaggistica di proprietà di Zuckerberg: è stata introdotta una nuova funzionalità che permette agli amministratori dei gruppi di WhatsApp di comunicare in modo unidirezionale con i partecipanti. Cosa significa? In parole semplici, vuol dire che i proprietari dei gruppi potranno essere gli unici in grado di inviare messaggi agli altri utenti.

Questo aggiornamento giova maggiormente ai marketer che possono così sfruttare l’applicazione per inviare annunci, news, promozioni e altro materiale pubblicitario agli iscritti a un gruppo, al posto di inviare classiche newsletter o SMS.

LEGGI ANCHE: Arriva Instagram Lite, l’app leggera per conquistare un miliardo di nuovi iscritti

LinkedIn integra il QR code per il profilo personale

Alla fine di giugno la piattaforma proprietà di Microsoft ha introdotto un nuovo modo semplice e veloce per connettersi con altri utenti, dedicato principalmente a coloro che stanno partecipando a una conferenza di settore, un evento aziendale o un business meeting. Si tratta di un codice QR associato al proprio profilo personale LinkedIn da utilizzare per connettersi con altri utenti tramite la semplice scansione dello stesso.

weekinsocial5

Questa novità giova soprattutto freelance e professionisti, che possono inserire il proprio codice QR su brochure e materiale per eventi, sito web personale, badge o direttamente sul proprio curriculum.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *