Cos’è e a chi serve Business Manager, il tool per il marketing di Facebook


Il Business Manager è, con ogni probabilità, uno degli strumenti di Facebook Marketing più odiati dai marketer di tutto il mondo. Introdotto qualche anno fa come tool professionale (facoltativo, agli inizi) per la gestione di pagine e account Facebook, consigliato in particolar modo ad agenzie o brand con molte entità di questo tipo da organizzare, con gli anni ha finito per diventare l’unico mezzo atto a gestire la maggioranza delle entità business-oriented presenti in piattaforma.

Oggi è possibile fare a meno del Business Manager? In quali casi è diventato davvero indispensabile e perché? Scopriamolo insieme.

Cosa è il Business Manager: facciamo chiarezza

Parlando con alcuni “addetti ai lavori” capita di sentire frasi come “io la pubblicità su Facebook la faccio con il Business Manager”, ma in realtà è un’espressione sbagliata e fuorviante, che tradisce una scarsa conoscenza del mezzo; il Business Manager infatti non è altro che un gestionale, un grande ombrello sotto il quale vengono raccolte tutte le entità (pagine, pixel, account pubblicitari, metodi di pagamento, account Instagram, persone, etc.) che possiede o potrebbe utilizzare chiunque voglia usare Facebook a fini di business.

Quando si crea/aggiunge un account pubblicitario o una pagina tramite questo strumento, la pubblicità continua a essere gestita tramite gli account pubblicitari e le pagine attraverso lo stesso pannello che usa chi non ha il Business Manager, semplicemente diventa necessario passare dal Business Manager per poterli utilizzare, perché ne sono parte.

Tutto viene centralizzato al suo interno, compresa la gestione delle persone/altri brand (ovvero altri Business Manager che possono richiedere l’accesso ad alcune entità come Partner) e l’eventuale allocazione delle risorse presenti, come pixel, pagine, cataloghi e così via.

Credits: Depositphotos #193613082

Business Manager, gioia o maledizione?

Spesso mi è capitato di sentire di professionisti (o di clienti) che lo hanno impostato e, dopo ore di panico dovute alla difficoltà nell’utilizzarlo e al cambiamento di alcuni processi di gestione (ad esempio, dopo che hai aggiunto una pagina sotto un Business Manager da desktop dovrai accedere tramite essa per gestirlo), hanno fatto carte false per poterlo rimuovere e tornare come era prima.

Personalmente utilizzo il Business Manager da oltre 4 anni e, pur non nascondendo lo smarrimento iniziale (non capita forse sempre così di fronte a strumenti mai usati prima e con scarsi manuali di istruzioni?), devo dire che è stata una vera benedizione.

Il Business Manager infatti ha portato a una professionalizzazione e razionalizzazione del processi e degli strumenti legati al Facebook Marketing, che decisamente mancava:

  • come rimuovere in un colpo solo da tutte le entità a cui ha accesso un dipendente quando viene licenziato?
  • Se rappresenti un’agenzia, come evitare che il cliente veda in chiaro tutti i nomi dei dipendenti che partecipano alla gestione della pagina/account pubblicitario?
  • Ma soprattutto, come evitare quella cosa imbarazzante di dover dare l’amicizia a colleghi e clienti per gestire pagine e account pubblicitari? Come evitare di mostrare “in chiaro” il proprio nome utente a persone con le quali certamente lavoriamo, ma che magari vogliamo separare dalla nostra sfera più personale, quella che raccontiamo su Facebook?

Queste sono solo alcune delle domande alle quali ha, finalmente, risposto il Business Manager. Grazie a questo nuovo strumento i brand più strutturati hanno iniziato a gestire in modo più sicuro le mille entità sparse su Facebook, le agenzie hanno iniziato a farlo in modo decisamente professionale.

Ma il Business Manager è solo per brand e agenzie con tante pagine e account da gestire? Prima sì, ora non più.

Per chi è diventato fondamentale il Business Manager?

Fino a poco tempo fa era fortemente consigliato a:

  • agenzie con più account pubblicitari e Pagine
  • brand con più account pubblicitari e Pagine
  • brand che vendevano online e volevano fare retargeting con il Catalogo Prodotti

Piccole aziende e anche aziende più strutturate, ma con una semplice pagina e account Facebook, potevano tranquillamente evitarlo; certo, lo potevano evitare anche i brand più grandi con varie entità, ma restava il fatto che con il Business Manager la gestione degli accessi e dei vari strumenti era più sicura, centralizzata e professionale.

Poi però qualcosa ha iniziato a cambiare, dapprima più lentamente, fino ad arrivare ad un accentramento totale di tutti gli strumenti per fare marketing su Facebook all’interno del Business Manager, complice anche un’attenzione sempre più forte da parte della società nei confronti della privacy e della sicurezza degli utenti.

Sì, perché ad oggi solo ed esclusivamente utilizzando un Business Manager (quindi collegando le varie entità allo stesso) puoi:

E questo solo per citare alcune funzionalità e strumenti l’utilizzo dei quali è completamente inibito a chi non si serve del Business Manager.

Visto il trend, non è da escludere che diventi assolutamente indispensabile per chiunque voglia gestire pagine e account Facebook; già alcuni utenti infatti iniziano a notare per gli account pubblicitari gestiti “personalmente” (creati da loro stessi o da altre persone direttamente) l’inclusione in un nuovo Business Manager comparso dal niente con il nome di “Azienda di [nome utente]”.

Sta diventando quindi inutile opporre resistenza, ma poi… vale la pena in-sistere o forse è meglio de-sistere?

I vantaggi indiscussi dell’utilizzo del Business Manager

Come dicevamo, basta prenderci confidenza e questo strumento può diventare realmente un alleato.

Grazie al Business Manager infatti non solo è più semplice centralizzare la gestione di tutte gli asset aziendali e avere una chiara visione di chi ha accesso a cosa e a quale livello, ma è anche possibile gestire con facilità gli accessi e revocarli in un click.

Non solo; grazie a questo prezioso strumento è possibile creare più account pubblicitari e pagine con semplicità, inoltre, come detto, l’utilizzo di certi tool è ormai riservato esclusivamente a chi possiede un Business Manager.

Senza contare che, per chi lavora con Facebook (agenzie e professionisti) è davvero fondamentale e fa la differenza tra chi fa questo mestiere in modo amatoriale e chi no; il vero professionista/agenzia che fa Facebook Marketing seriamente non può fare a meno del Business Manager, che è lo strumento professionale per richiedere accesso e gestire i vari asset del cliente.

Credits: Depositphotos #95473320

Possiamo ancora fare a meno del Business Manager?

Come detto in alcuni casi possiamo, ma non so ancora per quanto, visto che Facebook sembra volerlo rendere sempre più indispensabile, probabilmente anche per avere un controllo e trasparenza maggiori sulle aziende che gestiscono i vari asset.

Dobbiamo inoltre tener conto del fatto che questo strumento può davvero semplificarci la vita, se gli dedichiamo il giusto tempo e attenzione per comprenderne le dinamiche e i processi. Il consiglio è quindi quello di iniziare a familiarizzare con il BM e piano piano diventeranno sempre più chiari i vantaggi che offre questo prezioso strumento.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *