Airbnb vuole distribuire quote della società a chi usa il servizio per affittare casa


Airbnb vuole dare ai proprietari di case che contribuiscono ad alimentare il suo servizio l’opportunità di possedere un pezzo della sua attività. Ecco perché, come riportato da Axios, la società valutata 31 miliardi di dollari ha scritto alla SEC (l’ente di controllo della borsa americana) per chiedere se le sue regole sulla sicurezza possono essere riviste.

In particolare, Airbnb sta cercando di modificare la norma 701 della SEC – che disciplina la proprietà del capitale nelle società – per consentire un nuovo tipo di classe azionaria per i lavoratori che partecipano a società di gig economy e ai loro servizi. Anche Uber, per esempio, ha incontrato la SEC per proporre un accordo simile, ma Airbnb sta cercando di fare tutto alla luce del sole e ha esposto le sue ragioni in una lettera, forse anche per stimolare un dibattito pubblico sull’argomento.

LEGGI ANCHE: Airbnb: gli host potranno ospitare gratis in caso di emergenza

airbnb (1)

L’iniziativa di Airbnb e i possibili ostacoli

“Nel mercato della sharing economy, Airbnb ha successo quando anche i suoi host hanno successo”, ha scritto l’azienda in un passaggio della lettera. “Riteniamo che consentire alle società private di concedere agli host e ad altri partecipanti alla gig economy l’equity nella società da una fase precedente allineerebbe ulteriormente gli incentivi tra tali società e i loro partecipanti a vantaggio di entrambi”.

Secondo indiscrezioni Airbnb starebbe pianificando la quotazione in borsa per il prossimo anno. Intanto, anche se non è chiaro in che modo un host potrebbe guadagnare equity di Airbnb sarebbe necessaria un’ulteriore modifica delle regole. Attualmente i regolamenti SEC, infatti, richiedono che qualsiasi azienda privata con oltre 2.000 azionisti o 500 o più che non siano investitori accreditati negli Stati Uniti, deve essere registrata.

Questo è chiaramente un problema per Airbnb, che è cresciuto fino a oltre cinque milioni di annunci dalla sua fondazione nel 2008. Resta da vedere quanti di questi proprietari di case potrebbero possedere equity anche se le regole sono state emendate per consentirle.

Poi ci sono ulteriori complicazioni per le aziende che si sono espanse al di fuori del mercato statunitense. La maggior parte degli host di Airbnb si trovano all’estero: il servizio afferma di offrire alloggi in circa 81.000 città in oltre 190 paesi, il che rende difficile distribuire l’equity basata negli Stati Uniti.

Brian Chesky

La relazione con gli host

Tuttavia, questo riconoscimento pubblico dei suoi host e del ruolo cruciale che svolgono è una parte positiva proprio della loro relazione. Mentre spesso nella gig economy i lavoratori sono lasciati senza vantaggi e garanzie in nome della flessibilità, Airbnb cerca in qualche modo di offrire un riscontro anche a questo capitale umano.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *