Questa startup vuole ripulire l’oceano dal 50% della plastica in cinque anni


Il problema c’è, lo sappiamo, ne parliamo da anni, abbiamo dati alla mano, lo vediamo ogni giorno, ma c’è sempre chi sminuisce la cosa, chi continua imperterrito e in modo superficiale a sottovalutare la situazione. Cosa si può fare per ripulire il mare?

È questa la domanda che si è posto un giovane olandese, Boyan Slat, mentre faceva un’immersione subacquea in Grecia: come era possibile che, intorno a lui, ci fossero più bottiglie di plastica che pesci? Doveva fare qualcosa, voleva liberare il mare dall’immondizia dell’umanità.

Era ancora uno studente del liceo, quando avviò un progetto scolastico sull’inquinamento causato dalla plastica negli oceani e sul perché fosse ritenuto impossibile ripulirli. Nel 2012 Boyan è riuscito a ideare un sistema passivo, usando la circolazione delle correnti oceaniche, che ha presentato durante una TEDx talk a Delft. L’anno successivo ha creato la fondazione, The Ocean Cleanup, che è diventata poi una startup, riuscendo ad ottenere dei finanziamenti, oltre 2 milioni di dollari e, successivamente, anche il sostegno del governo olandese.

Con l’aiuto di 80 studiosi, tra biologi ed ingegneri, ha brevettato un sistema per ripulire le acque degli oceani da tutta la plastica, una tecnologia nuova, sostenibile e capace di resistere alle correnti del mare.

Come funziona?

La piattaforma sfrutta le correnti dell’acqua che non devono essere viste come un problema, qualcosa da arginare, ma come la soluzione. L’impatto ambientale del macchinario è minimo, perché sfruttando le correnti non necessita di energia.

È composto da un tubo galleggiante lungo 600 metri a cui è collegata una barriera di poliestere profonda 3 metri.

Avete presente Pac-Man, il mangiatore di puntini più famoso del mondo dei videogame? Beh, questa struttura si comporta allo stesso modo, “ingurgita” più plastica possibile, anche oggetti grandi un millimetro, muovendosi velocemente, mossa appunto dalle onde e dal vento, spingendo i rifiuti al centro, verso la barriera galleggiante. E una volta raccolto tutto, che fine farà questo “bottino”? L’idea, ovviamente, è quella di riciclare, dar vita ad oggetti nuovi, senza dover sprecare altro materiale.

La struttura ha lasciato il porto di San Francisco ed è diretta verso l’oceano Pacifico, per raccogliere quanta più spazzatura possibile entro un anno. Ogni sei settimane arriverà una nave a ritirare tutto il carico. L’obiettivo è quello di ripulire l’oceano del 50% in 5 anni, con una riduzione del 90% entro il 2040.

Per raggiungere questi numeri, la flotta deve tirar su circa 14 mila tonnellate l’anno.  Tutta la struttura è circondata di luci, ha un sistema di anti-collisione, telecamere, sensori e satelliti che controlleranno gli spostamenti ed eviteranno possibili scontri con le navi di passaggio.

Idea geniale o possibile flop?

La sfida è ardua, il progetto è grande ed è d’ispirazione per tante persone, considerando che ogni anno vengono riversati 8 milioni di tonnellate di plastica nei nostri mari. Tutti abbiamo dei sogni, e quello di ripulire il nostro pianeta, le nostre acque è qualcosa di nobile. Se tutto dovesse andare secondi i piani, il prossimo step sarà quello di installare sessanta piattaforme galleggianti in varie zone della Terra, entro il 2020.

La creazione del giovane ventiquattrenne è stata inserita tra le migliori invenzioni del 2015 dal Time e lo stesso Boyan è stato definito da Forbes tra i più brillanti “Uder 30” del mondo. Il suo motto è “Possiamo farlo. Dobbiamo farlo. E lo faremo”. Pur essendoci tutti i presupposti per vincere una battaglia che va oltre i sogni di tutti noi, le critiche non sono mancate.

La pulizia degli oceani, per quanto efficace, da sola non può bastare, molti scienziati sono scettici, sia per il possibile impatto sulla vita marina, ma soprattutto perché il progetto ignora la prevenzione, ossia che non si tratta di pulire ma di non sporcare, il che ci riporta a tutto ciò che, negli anni, abbiamo imparato sull’ecologia, l’inquinamento ma soprattutto sull’amor proprio. Lo stesso Boyan ha affermato che qualcuno deve pur ripulire tutti i rifiuti dell’oceano, che sono lì già dagli anni Sessanta, ma è fondamentale prevenire che la plastica continui a finire in mare.





Source link

Riduci lo stress da lavoro trasformando la tua terrazza in un’oasi verde (o in un orto)


La vita è diventata così frenetica che a volte sembra impossibile avere qualche ora da dedicare a se stessi. Quanto ti piacerebbe trascorrere una giornata immerso nel verde, in compagnia di un buon libro, magari con una playlist rilassante in sottofondo?

Immagina la scena: finalmente non lavori e decidi di andare al parco per approfittare della splendida giornata di sole.

Solo che per raggiungere il parco più vicino, impieghi mezz’ora, non c’è una panchina libera, ci sono orde di bambini urlanti, il sole scotta e, ovviamente, hai dimenticato il libro sul comodino. A volte è davvero difficile vivere in città, per questo molto spesso pensi che sarebbe meglio trasferirsi in campagna, magari circondato da paesaggi bucolici con le “caprette che fanno ciao”; ma prima di mollare tutto e trasformati nella versione 2.0 di Heidi, dai uno sguardo a questi prodotti da giardino, per ricreare una piccola oasi urbana, a casa tua.

Immagine correlata

La tua casa è il tuo santuario

Esistono moltissimi trucchi e tanti tools per trasformare il proprio terrazzo o balcone, grande o piccolo che sia, in una vero e proprio paradiso verde. Tramutare qualsiasi momento in un’esperienza rilassante, magari coltivando, in tutti i sensi, la propria passione per piante e fiori si può, gli studi dimostrano che le piante d’appartamento riducono lo stress psicologico e fisiologico.

Le proposte di eBay

Per poter rendere gli ambienti outdoor vivibili e funzionali, è fondamentale la scelta degli accessori giusti: facendo un giro su eBay, troverai milioni di nuovissimi articoli per trasformare il tuo appartamento in un piccolo paradiso personale. La scelta è molto vasta e personalizzare il tuo balcone sarà divertente, stimolante ed il risultato molto soddisfacente. Sei pronto? Prendi carta e penna.

verde

Giardinaggio in miniatura per il tuo appartamento

Le piante grasse sono piante d’appartamento che non richiedono tanta accortezza, ma hanno comunque bisogno della giusta attenzione. Assolutamente da provare questi adorabili attrezzi da giardinaggio in miniatura, che faranno la differenza: sono colorati, maneggevoli e garantiranno una praticità unica.

Il kit comprende la spazzola per la pulizia, una benna da secchio, un flacone per l’irrigazione e un soffiatore per la polvere d’aria, può anche essere usato per curare altre piccole piante d’appartamento. Gli strumenti hanno maniglie dal design ergonomico, quindi sono facili da usare per seminare, per il diserbo, per potare o annaffiare le tue dolci creature in erba.

verde

Terrari moderni e minimalisti con piante d’aria

Se sei sempre alla ricerca di nuove idee e spunti per la tua casa, sicuramente avrai già fatto un salto su Pinterest, alla scoperta delle nuove tendenze. Questi bellissimi terrari geometrici per piante d’aria sono perfetti per l’aspirante pollice verde che sta appena iniziando a dilettarsi nel mondo del giardinaggio indoor.

Queste fioriere sono disponibili in diverse forme e sono rivestite da una resistente struttura in metallo. Puoi appenderle alla finestra o a una fonte di luce indiretta per mantenere vivo il terrario e un lato della fioriera è aperto per un facile flusso d’aria.

verde

Piccoli giardini in lattina

Il giardinaggio domestico non deve essere seguire necessariamente dei canoni estetici stabiliti, puoi anche coltivare le tue piante per soli scopi pratici. Quindi crea dei piccoli orti in miniatura dentro delle lattine, staranno benissimo in cucina, magari sul davanzale.

Questo set è fornito di quattro erbe: aneto, basilico, coriandolo e salvia. È un modo perfetto per aggiungere un po’ di gusto alle tue creazioni culinarie, il set perfetto delle tue spezie preferite.

verde

E ricorda… con un pò di fantasia e gli accessori giusti, niente è impossibile, nemmeno creare il tuo orticello incantato.



Source link

show