I post di Halloween più divertenti (e spaventosi) dei grandi brand sui social


Halloween è arrivato e, se hai seguito i nostri consigli su come affrontarlo sui social, di certo non sarai rimasto con le mani in mano. Avrai inventato e progettato qualcosa di di divertente, accattivante e spaventoso per i tuoi fan.

LEGGI ANCHE: 5 consigli per colpire i tuoi fan ad Halloween (e farti ricordare)

Ma adesso è il momento di svelare le immagini social che i grandi brand hanno sfoggiato quest’anno. Cosa si saranno inventati? Grafiche accattivanti, gif, video social e chi più ne ha più ne metta.

Ma non perdiamoci in chiacchiere e iniziamo con la carrellata.

Burger King

Un panino verde che provoca incubi? Sì, proprio così: è l’idea di Burger King che ha realizzato uno spot molto originale.

LEGGI ANCHE: Le 7 pubblicità di Halloween che non puoi perderti quest’anno

Ecco la gif che ha pubblicato sui vari social per l’occasione.

Nutella

Nutella ci prova con una simpatica gif animata, ma ammette di non riuscirci proprio a terrorizzare i suoi fan.

Kinder

Kinder non poteva rinunciare, anche quest’anno ad un’idea tutta dedicata ai più piccoli. Un video tutorial molto particolare per un Halloween da ricordare.

Tic Tac

Il confetto alla menta più amato di tutti opta, quest’anno, per una grafica dai colori cupi e, in primo piano, una “manina” che spunta dal terreno e afferra un pacchetto di Tic Tac.

social

Red Bull

Streghe in fila pronte per volare. Ovviamente, grazie a Red Bull. Il breve video social di Red Bull riprende l’ormai ben noto e tanto amato tormentone: “Red Bull ti mette le aaali”.

E lo fa soprattutto ad Halloween.

LEGGI ANCHE: Le 8 pubblicità di Halloween più belle di sempre (secondo noi)

San Carlo

La patatina più amata di tutte s’ispira ad un tipico horror da riguardare ad Halloween e pubblica un video con un sottofondo terrificante.

Kinder Bueno

Spunta un’altra manina nell’immagine del marchio di dolciumi. Niente scherzetti per Kinder Bueno, sempre meglio un dolcetto.

social

Fiorucci

Sempre molto attivo sui social, Fiorucci non delude neanche ad Halloween.

social

Girella Motta

Completamente a tema Halloween la pagina Facebook di Girella Motta, dall’immagine di copertina ai vari post, il brand si avvale anche dell’aiuto del noto influencer Gordon per girare dei veri e propri spot social.

LEGGI ANCHE: Abbiamo incontrato gli ideatori della campagna di Buondì Motta

Mulino Bianco

Una crostatina o una spaventosa zucca? Ecco la trovata social del Mulino Bianco per questo Halloween.





Source link

7 pubblicità di Halloween che non puoi perderti


Dior, M&M’s, Burger King e Spotify sono solo alcuni dei grandi marchi che celebrano Halloween anche quest’anno con pubblicità divertenti, spettrali e a volte paurose.

LEGGI ANCHE: 5 consigli per colpire i tuoi fan ad Halloween (e farti ricordare)

Le festività di Halloween rappresentano uno dei momenti dell’anno in cui vengono investiti ingenti budget in promozioni e campagne pubblicitarie; un trend affermato negli States che ha preso largamente piede in Europa e in Australia.

Ecco alcuni degli annunci dei big brand pensato a posta per spaventarci e farci sorridere.

M&M’S Halloween – Ghosted

Il confetto giallo è un fantasma e no, non si tratta di un costume. Per un simpatico (e gustosamente cioccolatoso) personaggio della famiglia M&M’s, sopravvivere alla notte più spaventosa dell’anno è molto più difficile di quanto si pensi.

Kit Kat – Talking Pumpkin

Halloween è la festa preferita di chi ama i travestimenti, ma anche un giorno speciale per chi ama il cioccolato. Anche Kit Kat interviene sul tema con un amichevole Jack-o-Lantern pronto a ricordarti: concediti una pausa questo Halloween! Le pause sono buone!  #BreaksAreGood #HaveAKitKat

Burger King – Feed Your Nightmares

Un hamburger può procurare incubi?

Questo è ciò che il marchio Burger King ha provato a dimostrare con uno studio di ricerca insolito per la sua ultima offerta limitata nel periodo di Halloween, intitolata Nightmare King.

LEGGI ANCHE: Burger King e McDonald’s, come spaventare i clienti ad Halloween

Basandosi sulla composizione unica del sandwich, che consiste in un mix di proteine come pancetta, pollo e manzo, oltre al formaggio, l’ipotesi era che questo nuovo hamburger potesse causare incubi.

Quindi, Burger King si è rivolto (fittiziamente) alla scienza per convalidare questa ipotesi e i risultati dello studio clinico dimostrano che il Re dell’Incubo aumenta le possibilità di soffrirne durante il sonno di 3,5 volte.

Walmart – Haunted House Party

Che tu sia uno zombie o una mummia, tutto ciò che ti serve per organizzare uno strepitoso party di Halloween puoi trovarlo qui, da Walmart.

Jägermeister USA

“Vediamo sprazzi di ghiaccio nel tuo futuro”, vaticina 

Dior – The Beauty Of A Dark Dream

Passare da un mondo incantato a uno spaventoso con i trucchi Dior. Così il brand sceglie di augurare buon Halloween ai suoi affezionati fan. Bella Hadid è la protagonista del commercial.

Spotify – Horror

Uscito con anticipo rispetto alla festa di Halloween, lo spot di Spotify è risultato così spaventoso da venire bannato dalle reti televisive in UK.





Source link

5 consigli per colpire i tuoi fan ad Halloween (e farti ricordare)


Zucche intagliate, travestimenti macabri ma non solo, feste a lume di candela e scherzi spaventosi. Halloween si avvicina e ognuno sceglie di festeggiarlo a suo modo.

Sì, è vero: siamo in Italia, Halloween non ci appartiene direttamente e in molti criticano ancora la risonanza che questa festività ha generato all’interno della società.

Ma anche qui, ormai da anni, Halloween viene festeggiato e sentito quasi quanto negli Stati Uniti, dove ha avuto origine.

via GIPHY

Prima di svelare come le grandi aziende hanno affrontato quest’anno la festa delle zucche, cerchiamo di individuare le best practice per pubblicizzarla al meglio, prendendo esempio dalle proposte dei grandi brand negli anni.

LEGGI ANCHE: Le 8 pubblicità di Halloween più belle di sempre (secondo noi)

Non ignorare Halloween

Prima di tutto, se stai pensando di ignorare Halloween sappi che, nella maggior parte dei casi, stai sbagliando.

I grandi brand (ma anche i più piccoli) non possono lasciarsi sfuggire l’occasione di dar vita a campagne di marketing memorabili, soprattutto sui social che – ancora una volta – si prestano più che bene alla causa.

zucca

Si tratta, infatti,di un’occasione davvero ghiotta per sperimentare, mettere alla prova la tua impresa – grande o piccola che sia – e soprattutto la tua community e i tuoi fan.

Dalla campagna di marketing pensata e programmata settimane prima al singolo post a tema, cerca di trovare il modo migliore per inserire il tuo brand nel grande flusso pubblicitario che genera Halloween.

Stupisci a colpi di ironia

Ce lo hanno insegnato colossi come Burger King, McDonald’s, Coca Cola e Pepsi che in passato, in occasione del 31 ottobre, si sono presi in giro a vicenda sui social ma non solo e noi non possiamo far altro che prenderne atto e lasciarci ispirare.

LEGGI ANCHE: Burger King e McDonald’s, come spaventare i clienti ad Halloween

Spot di Halloween

burger-king-mc-donald-s

Spesso, l’ironia è la chiave giusta per colpire il cuore degli utenti, strappargli una risata e nel migliore dei casi fargli esclamare “Wow, incredibile!”

L’ironia – anche quella amara – costituisce quasi sempre un canale preferenziale per stupire ed essere ricordati.

via GIPHY

Crea engagement

Inserire nel tuo piano editoriale anche solo un post a tema Halloween ti aiuterà ad aumentare il coinvolgimento dei tuoi fan.

Puoi scegliere di dar vita ad una campagna che crei interazione con gli utenti: un sondaggio, un contest, una call to action sono tutti modi perfetti per affrontare Halloween e creare engagement.

fanta

Creare post divertenti e coinvolgenti spingerà i tuoi fan ad interagire con la tua pagina e li farà divertire. Cosa c’è di meglio?

Dai sfogo alla creatività

Ogni anno sono tantissimi i brand che si lanciano alla creazione di grafiche ed iniziative meravigliose per celebrare Halloween, cerca di non essere ripetitivo e dai vita ad idee nuove, fresche, mai utilizzate prima.

Prendi ispirazione, ma stai attento a non copiare i tuoi brand di riferimento. Rischieresti un flop che non farebbe bene alla tua impresa e non creerebbe l’effetto desiderato. I fan possono essere molto critici.

nutella

Sii creativo, confrontati con il tuo team – più menti sono sempre meglio di una sola – e fai ricerca.

Sii spaventoso

Certo, va bene l’ironia, l’engagement e la creatività, ma ricorda che è pur sempre Halloween: devi far paura! 

Cosa c’è di meglio che far prendere un bello spavento ai tuoi fan per essere ricordati?

paura

Pensa, ragiona, dai sfogo alla fantasia e trova il modo migliore per dar vita ad una campagna da paura.





Source link

Starbucks e McDonald’s cercano startup per rifare i bicchieri usa e getta


Una piccola rivoluzione nel mondo del caffè veloce: Starbucks e McDonald’s stanno unendo le loro forze per realizzare il bicchiere del futuro, completamente riciclabile e compostabile. Entro i prossimi tre anni sarà lanciato sul mercato. L’operazione potrebbe includere anche un coperchio e una cannuccia di accompagnamento.

Starbucks e McDonald’s

The NextGen Cup Challenge

A partire dal prossimo settembre si concretizzerà il progetto che mette insieme per la prima volta i due giganti multimiliardari con lo scopo di finanziare startup e aziende illuminate del settore dei materiali riciclabili. La richiesta è quella di riprogettare i bicchieroni da passeggio usa e getta.

Starbucks e McDonald’s

La notizia giunge dopo l’arrivo di un’imposta sull’industria alimentare volta a ridurre la plastica negli imballaggi e, in particolare, per quanto concerne le cannucce. Una richiesta che ha coinvolto anche altre catene mondiali, come Subway e Burger King. Starbucks e McDonald’s insieme distribuiscono annualmente il 4% dei 600 miliardi di bicchieri nel mondo e rappresentano due delle prime tre catene Food & Beverage più popolari.

Le coffee cup di ogni azienda sono tecnicamente riciclabili ma, per gli svariati tipi di problemi pratici relativi alle infrastrutture di riciclaggio, raramente lo sono fino in fondo. Così le due aziende prevedono di sfruttare le loro economie di scala per cambiare il modo in cui tutti i bicchieri monouso vengono fabbricati e smaltiti. Un piano senza precedenti nell’industria fast food, volto a migliorare e a dare una svolta ecologica al settore.

Starbucks e McDonald's

Dopo averci colpiti per anni con sconti e gadget di vario genere, ora Starbucks e McDonald’s ci provano con la sostenibilità. L’iniziativa prende il nome di NextGen Cup Challenge e invita gli imprenditori, grandi e piccoli, a sviluppare materiali che possano sostituire i bicchieri di oggi.

La challenge fornirà sovvenzioni a buone idee e aiuterà le startup a lavorare insieme per fornire soluzioni pronte per il mercato. La stessa Starbucks ha appena annunciato un nuovo coperchio per sostituire le cannucce in molte bevande, nell’ambito di un’iniziativa per il 2020 in collaborazione con la società di investimento Closed Loop Partners. Adesso anche McDonald’s aderisce a questi progetti.

Starbucks e McDonald’s: alleati improbabili

Sembra molto strano che due mega concorrenti collaborino per sviluppare e cofinanziare un innovazione così rivoluzionaria. In realtà, nonostante Starbucks e McDonald’s competano per le vendite su base giornaliera, per anni le società pare abbiano conversato sui temi legati all’ambiente. Per decenni hanno parlato della possibilità di collaborare a varie iniziative di sostenibilità e l’opportunità si è finalmente consolidata attorno al progetto NextGen.

McDonald’s insiste sul fatto che i potenziali risparmi finanziari non saranno così significativi nelle migliori delle circostanze, perché i materiali non vengono ottimizzati per il costo, ma per il loro impatto sulla società.

Starbucks e McDonald’s

“Consideriamo questa come un’opportunità pre-competitiva. Prima ancora di competere in maniera normale, è un passo indietro nella catena”, ha dichiarato Marion Gross, chief supply chain officer di McDonald’s Stati Uniti.

“Nella sicurezza alimentare – continua Gross – non c’è alcun vantaggio competitivo. Dobbiamo tutti portare soluzioni e assicurarci di stare attenti all’interesse pubblico. È un problema sociale ed esiste un modo in cui possiamo venirne fuori insieme, non come concorrenti, ma come risolutori di problemi. Possiamo usare la nostra scala collettiva per fare la differenza”.



Source link

show