Cosa ha presentato Apple oltre al nuovo Macbook Air


Ha creato tantissime variazioni colorate del suo logo per promuovere l’evento del 30 ottobre. Ad accompagnare gli inviti, la location a sorpresa: la presentazione non è stata infatti nello Steve Jobs Theatre di Apple Park, ma a Brooklyn.

La società ha iniziato con una vera ode al Mac. Il CEO Tim Cook ha rivelato che le installazioni hanno superato 100 milioni di utenti, dei quali il 51% sono nuovi acquirenti. E, secondo lui, è tempo per un nuovo Macbook Air.

Il nuovo Macbook Air

macbook

Il nuovo Air sarà dotato di un display Retina da 13,3 pollici, con una risoluzione di 4 milioni di pixel. Anche le cornici in alluminio sono state sostituite con vetro nero e stretto.

Avrà anche un sensore Touch ID integrato nella tastiera, come i dispositivi palmari di Apple. Apple ha anche promesso che il dispositivo avrà un processore migliore e una memoria maggiore, oltre a una tastiera più stabile e un trackpad più grande.

Il nuovo Macbook Air sarà disponibile in tre nuove versioni, a partire da 1199 dollari e potrà essere acquistato dalla prossima settimana.

Il Mac mini

macmini

Tim Cook ha anche mostrato un dispositivo Mac “piccolo ma potente”: il nuovo Mac Mini, in un elegante grigio.

Cook, che sembrava stamattina avesse bevuto del troppo caffè, ha rivelato un dispositivo Mac “piccolo ma potente”: il nuovo Mac Mini, disponibile in una nuova finitura grigio sexy.

Il nuovo, dispositivo, grazie al’upgrade dei processori, sarà cinque volte più veloce del predecessore. Sarà dotato di 64 GB di memoria interna e verrà venduto a un prezzo a partire da 799 dollari. COme il Macbook Air, può essere già ordinato e sarà disponibile dalla prossima settimana.

iPad Pro

ipad pro

Come previsto, la presentazione del nuovo iPad Pro è stato il momento clou della serata. Disponibile nelle varianti da 11 e 12,9 pollici, è sottile 5,9 millimetri (il 15% più sottile e il 25% più piccolo del suo predecessore). Come già annunciato, anche questo dispositivo è dotato di Face ID.

Funziona con il chip Bionic A12X, con una grafica apparentemente paragonabile a una Xbox One S. Sarà dotato di magneti che consentono di agganciare la Apple Pencil e la nuova tastiera Folio, che può anche essere caricata in modalità wireless quando collegata.

Le novità di Apple

Oltre ai nuovi dispositivi, Apple ha annunciato alcune novità nello store, tra cui l’aggiunta di 60 nuove sessioni dedicate ai programmi di insegnamento.

cook2

Inoltre, l’app Apple Store mostrerà ora gli eventi dello store Apple più vicino a loro e può essere personalizzata in base ai dispositivi che possiedono.

iOS 12.1

Tim Cook ha anche presentato l’ultimo aggiornamento iOS, che verrà rilasciato oggi. I cambiamenti più importanti riguardano il nuovo Group Facetime e 70 nuove emoji, tra cui cupcake e diverse colorazioni di capelli per le faccine.





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di martedì 30 ottobre 2018


Apple

E’ il giorno in cui Apple presenterà il nuovo iPad Pro e alcuni MacBook aggiornati. Appuntamento a Brooklyn e non allo Steve Jobs Theatre di Apple Park. È praticamente certo l’arrivo di un nuovo iPad Pro. Il tablet della casa non presenta aggiornamenti dal giugno 2017, quando furono svelati il modello da 12,9 pollici e quello da 10,5. La nuova versione dovrebbe avere novità corpose, a partire dal design. In linea con quanto fatto con l’iPhone X, dovrebbero assottigliarsi i bordi e dovrebbe scomparire il tasto “Home”, nella parte bassa del dispositivo.

Air e Mini. Mentre Apple ha rinnovato MacBook e MacBook Pro, non tocca la gamma Air (la più sottile e leggera) dal 2015. Le cose potrebbero cambiare oggi, mantenendo le stesse dimensioni (13 pollici) ma con diversi ritocchi: il laptop dovrebbe avere bordi più sottili, il suo display una risoluzione più alta. E di certo ci sarebbe un aggiornamento dei processori, visto che quello montato sul MacBook Air attuale è chiaramente superato. C’è un altro dispositivo che attende un successore da molto tempo: l’ultimo Mac Mini, il “piccolo” computer fisso della Mela, è sul mercato dall’ottobre 2014. Quattro anni. Ecco perché è molto probabile ci sia un nuovo modello.

Watch. Intanto, secondo il Financial Times, sempre Apple ha aperto un’indagine sulla sua catena di produzione dopo aver ricevuto la denuncia che uno dei suoi fornitori usa illegalmente studenti come dipendenti in Cina per produrre l’Apple Watch.

LEGGI ANCHE: Apple annuncia l’evento del 30 ottobre con decine di versioni del suo logo

ninja

Hubble

Il telescopio spaziale Hubble ha ripreso a funzionare, dopo aver trascorso gli ultimi 20 giorni in modalità provvisoria per un malfunzionamento dei giroscopi. Hubble da ieri è in orbita intorno alla Terra e dopo il suo ripristino ha ripreso le proprie attività scientifiche di osservazione. I giroscopi sono degli strumenti utilizzati per puntare Hubble verso le aree che deve osservare, consentendogli di mantenere la stessa posizione per periodi di tempo anche molto lunghi. Non a caso essi vengono utilizzati anche per le operazioni di osservazione degli oggetti spaziali più distanti.

Bitcoin

I bitcoin potrebbero spingere l’innalzamento della temperatura globale a 2 gradi nel giro di 15 anni. Stando ai ricercatori dell’Università delle Hawaii a Manoa, se la moneta virtuale avrà un tasso di diffusione simile ad altre tecnologie, farà impennare il termometro mondiale, perché la produzione di bitcoin richiede un consumo molto elevato di elettricità.
Nello studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, gli esperti hanno preso in esame l’efficienza energetica dei computer usati per produrre criptovaluta, il luogo di produzione e le emissioni legate alla generazione di elettricità nei vari Paesi.

Cina

In Cina è fallito il proprio tentativo di raggiungere l’orbita con un razzo di un’azienda privata. LandSpace ha provato a lanciare in orbita il razzo Zhuque-1 dal Jiuquan Satellite Launch Center, ma il terzo stadio ha avuto problemi. Il decollo del razzo è avvenuto con successo, ma sembra che il problema sarebbe stato riscontrato sette minuti dopo, durante la fase di distacco del terzo stadio, che non è stato in grado di portare in orbita il satellite Future utilizzato per alcune trasmissioni dell’emittente di Stato CCTV.

ninja

In agenda oggi

WOBI. A Milano presso MiCo Milano Convention Centre oggi e domani in agenda c’è WOBI – World Business Forum, due giornate di confronto sui temi del business. In un momento caratterizzato da un eccesso di informazione, il World Business Forum si concentra sui temi più rilevanti per chi fa business, stimolando il pensiero e ispirando all’azione. Tra gli ospiti, Alan Mulally, Presidente e CEO di Ford Motor Company, Daniel Lamarre, Presidente e CEO del Cirque du Soleil, l’ex calciatore Javier ZanettiKelly Peters, CEO e co-founder di BEworks.

MENNY BARZILAY –  I nostri dati possono essere utilizzati per manipolare il nostro processo decisionale? Può un’agenzia russa top-secret influenzare l’esito delle elezioni presidenziali americane? I sistemi oggi possono analizzare il nostro comportamento fino al punto in cui possono prevedere ogni mossa che faremo? Privacy e Cybersecurityi nostri dati. Di questo parlerà  l’esperto di sicurezza informatica di fama internazionale e divulgatore dell’innovazione Menny Barzilay (nella foto in alto), nel corso di un talk in programma il 30 ottobre alla Camera di Commercio di Roma, in piazza di Pietra, alle 17.30 (Sala del Tempio di Adriano). QUI per registrarsi e partecipare.

LEGGI ANCHE: L’era oscura della privacy: fra algoritmi e manipolazione. Il punto con il super esperto Menny Barzilay

Research Forum 2018. Talent Garden Milano Calabiana ospita oggi l’Assirm Marketing Research Forum 2018 – Insight World, appuntamento annuale con il mondo del marketing e della ricerca. L’evento è organizzato da Assirm, associazione che riunisce le maggiori aziende italiane che svolgono ricerche di mercato, sondaggi di opinione e ricerca sociale, con il supporto di 17 aziende del settore italiane e internazionali: Ales Market Research, Bilendi, Cint, Doxa, Gfk Italia, Iff International, Iqvia, LeFac, Netquest, Nielsen, Norstat, Research Now-SSI, Statista, SWG, The Visual Agency, Toluna, VIA!, Yoodata. 

ninja

Content Marketing. Sempre a Milano (presso gli spazi di BASE), in programma oggi il Contentware Summit 2018, quarta edizione del festival dedicato al content marketing, si terrà a Milano  il 30 ottobre. Un appuntamento sull’aggiornamento delle competenze, con spunti e riflessioni, casi pratici e nuovi approcci ai contenuti, quest’anno dedicato al concetto di Touch Point, inteso come punti di incontro e strategie di content marketing per una comunicazione innovativa non solo nel tema, ma anche nell’erogazione della formazione.

cloud

Le notizie che forse ieri ti sei perso

IBM compra Red Hat per 43 miliardi e punta sul Cloud
Secondo il CEO di IBM, con l’acquisizione di Red Hat la compagnia diventerà il più grande fornitore di servizi di Cloud ibrido al mondo

Red Bull, BMW e Quickteller: i migliori annunci stampa della settimana
Dalle foto storiche rivisitate di BMW alle shopping bag fusion di Quickteller, scopriamo insieme le più belle pubblicità dalle agenzie di tutto il mondo

Google pensa ad un abbonamento per le app Android (tipo Netflix)
Un gruppo di esperti smanettoni scopre un sondaggio di Mountain View che tasta il terreno per un nuovo servizio, nome presunto Google Play Pass

MotorK lancia GarageK, la piattaforma online per le officine
MotorK, compagnia italiana di automotive, ha sviluppato un nuovo strumento per gestire preventivi, prenotazioni, promozioni e campagne di marketing

ninja

Round da 1,5 milioni per Fluentify, la startup che insegna l’inglese alle aziende
Aumento di capitale per la società di tutoring online per i lavoratori. Tra i nuovi progetti anche il controllo dei progressi con l’Intelligenza Artificiale

7 consigli per pubblicare annunci vincenti nelle Stories su Instagram
Le Instagram Stories Ads sono ormai uno dei migliori modi per raggiungere nuovi segmenti di pubblico a cui mostrare i nostri prodotti e servizi

I 10 linguaggi di programmazione più amati (e odiati) di tutti i tempi
Sono i più popolari e i più criticati da decenni: ecco i 10 linguaggi di programmazione che nel 2018 si sono confermati come i più usati dagli sviluppatori





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di lunedì 29 ottobre 2018


Apple

Sorpresa all’Apple Store di Milano dove la scorsa settimana mattina è arrivato il numero uno della società, Tim Cook, in occasione del primo giorno di vendita in Italia del nuovo modello iPhone XR. Il CEO di Apple è arrivato senza preavviso, confondendosi con i clienti che fin dalle 8 erano entrati nel negozio.  La sua visita è durata circa 30 minuti. Il manager si è fatto scattare qualche foto insieme a clienti e lavoratori del negozio inaugurato lo scorso luglio a Milano. Il numero uno di Apple si trova in Europa per un tour lavorativo e ha colto l’occasione per visitare per la prima volta lo store milanese. Mercoledì ha partecipato ad un convegno sulla privacy a Bruxelles, è stato anche a Berlino e Madrid.

Brooklyn. Intanto all’evento in programma il 30 ottobre prossimo a New York, alla Brooklyn Academy of Music, la compagnia di Cupertino potrebbe svelare un nuovo iPad Pro senza cornici, ma con il riconoscimento del volto e forse il notch, in un allineamento del tablet all’iPhone. E’ quanto suggeriscono le ultime indiscrezioni, secondo cui la presentazione riguarderà anche tre nuovi computer Mac e sarà incentrata sull’arte, così come lascia intendere l’invito diramato da Apple: realizzato in 370 diversi design, ognuno con una versione artistica del logo della mela morsicata.

LEGGI ANCHE: Apple annuncia l’evento del 30 ottobre con decine di versioni del suo logo

LEGGI ANCHE: Tim Cook ha iniziato il suo tour in Europa con 2 app di Realtà Aumentata

TIM

TIM ed Ericsson insieme al Comune di Torino hanno acceso ieri per la prima volta nel centro storico di una città un’antenna 5G per mostrarne l’utilizzo in un centro storico. L’obiettivo era quello di mostrare che il 5G potrebbe portare ad una nuova fase di innovazione consentendo di guidare un’auto di serie da remoto e di proporre soluzioni smart city per l’ottimizzazione dei servizi pubblici.

Driverless. L’evento è stato anche l’occasione per il primo test in Italia per un veicolo a guida autonoma in un contesto urbano. Da dentro Palazzo Madama un pilota guida la vettura e in piazza i passeggeri viaggiano all’interno di uno spazio circoscritto da nastri al cui interno l’auto svolta, accelera e frena da sola.

ninja

Sony

La Commissione europea ha dato l’ok il progetto di acquisizione totale di EMI Music Publishing da parte di Sony, ritenendo che non pone problemi di concorrenza dato che non aumenterebbe il potere di mercato di Sony nella piattaforme online. EMI Music Publishing è controllata da Sony e Mubadala, fondo di investimento stabilito negli Emirati Arabi Uniti. Sony vuole acquistare il controllo esclusivo di EMI.

Snapchat

Snap, la controllante della app Snapchat, ha toccato giovedì nuovi minimi record nel dopo mercato a Wall Street (-10% a 6,20 dollari) a causa di un continuo calo degli utenti. I ricavi del terzo trimestre (a livelli senza precedenti) e le attese per il quarto hanno però battuto le stime degli analisti, che in ogni caso restano preoccupati. Nel terzo trimestre la perdita è stata il 27% più contenuta di quella di un anno prima arrivando a 325,15 milioni, o 25 centesimi per azione. Nel periodo, i ricavi sono saliti del 43% a 297,7 milioni di dollari, oltre le stime degli analisti ferme a 283 milioni. Nonostante un calo dei prezzi delle pubblicità, gli introiti per utente sono cresciuti del 37% annuo a 1,60 dollari. Tuttavia, come detto, il numero degli utenti che usano la app ogni giorno nel mondo ha raggiunto 186 milioni, in calo dell’1% sul trimestre precedente ma in rialzo del 5% sullo stesso periodo del 2017.

ninja

In agenda oggi

GIOIN – Cosa significa per le aziende riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi, grazie all’innovazione e al digitale? Oggi pomeriggio a Roma dalle 15  GIOIN approfondirà il tema Circular Economy con esperti, imprese e startup. L’evento si svolgerà presso Talent Garden Poste Italiane, campus di coworking nato dalla collaborazione con Poste Italiane e Digital Magics.





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di venerdì 26 ottobre 2018


Facebook

E’ stata formalizzata la multa dell’Authority britannica sulla comunicazione, l’Information Commissioner’s Office (Ico), contro Facebook per lo scandalo dei dati di utenti passati alla società di consulenza Cambridge Analytica e usati poi anche a scopi di propaganda politica. Ma non supera le 500.000 sterline, massimo previsto dalle norme in vigore nel Regno prima dell’introduzione nel maggio scorso d’una nuova legge europea più severa (GDPR).

Le motivazioni. L’Ico ha stabilito che Facebook consentì “fra il 2007 e il 2014” l’accesso ai dati “senza il chiaro consenso degli utenti”, inclusi oltre un milione di britannici. E ne ha sancito “la grave violazione” si legge nella nota che ha ufficializzato la multa già preannunciata dall’authority all’azienda di Mark Zuckerberg a luglio.

LEGGI ANCHE: Cambridge Analytica, Zuckerberg rompe il silenzio: sono responsabile di quanto è successo

zuckerberg

Tesla

Tesla ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto di 311,5 milioni di dollari, contro il rosso di 619,38 milioni dello scorso anno. È la terza volta nella storia che la casa automobilistica chiude in positivo. L’ultima volta era stato nel settembre 2016, anche se con numeri dieci volte più piccoli. Per Tesla è il miglior trimestre della sua storia (e il terzo trimestre in utile dal 2010, anno di sbarco in Borsa) e sorprende i mercati, che non credevano a una rimonta così repentina: alla fine di giugno il passivo era ancora di 717 milioni. Meglio del previsto anche il fatturato: 6,82 miliardi di dollari, più che raddoppiato rispetto a un anno fa e oltre i 6,1 miliardi previsti dagli analisti.

Automotive. Il settore automotive ha incassato poco più di 6 miliardi, l’82% in più dello scorso trimestre e il 158% in più rispetto a un anno fa. Adesso Tesla è attesa alla conferma. Secondo gli osservatori più critici, Musk avrebbe accelerato per rispettare le sue promesse, senza però avere la capacità di mantenere lo stesso ritmo nei prossimi trimestri. Il CEO ha però confermato che Tesla chiuderà in utile anche il periodo che va da ottobre a dicembre.

ninja

Twitter

Un incremento delle entrate del 29% su base annua (pari a 758 milioni di dollari) dovuto principalmente alle inserzioni pubblicitarie (che da sole contano per 650 milioni),  con un calo però degli utenti mensili, passati da 335 milioni del Q2 2018 (e 330 milioni del Q3 2017) agli attuali 326 milioni (di cui 67 negli Stati Uniti). Sono i numeri della terza trimestrale di Twitter. QUI il report integrale del Q3.

Apple e Samsung

Dopo la multa inflitta dall’Antitrust ad Apple e Samsung, per l’obsolescenza programmata sui telefonini delle due società, il Codacons vuole presentare un esposto a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia per le possibili fattispecie di truffa e aggiotaggio e per eventuali reati legati alle comunicazioni telematiche.

LEGGI ANCHE: L’Antitrust ha multato Apple e Samsung per “obsolescenza programmata”. Di che si tratta

Google

TIM sarà online da lunedì 29 ottobre con un nuovo canale di assistenza digitale integrato con l’Assistente Google per il controllo e la gestione dei propri servizi. Basterà pronunciare il comando vocale Ok Google, parla con Tim per utilizzare i nuovi servizi di assistenza e conoscere e controllare, ad esempio, le informazioni relative al proprio profilo. La compagnia è il primo operatore telefonico in Italia a sviluppare un servizio di caring specifico per l’Assistente Google.

amazon

Amazon

C’è anche Amazon tra gli investitori che hanno partecipato al round da 50 milioni di dollari chiuso dalla startup tedesca Tado, società specializzata in prodotti smart per la casa, in particolare termostati intelligenti. Oltre alla società di Jeff Bezos, dentro anche E.ON, Total Energy Ventures, Energy Innovation Capital, Inven Capital e la Banca europea per gli investimenti. Dalla sua costituzione (è stata costituita nel 2011). Tado ha raccolto finanziamenti per 102 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE: Amazon ha comprato una startup che fa case prefabbricate

Gli appuntamenti di oggi

STARTUP WEEKEND ROMA – Talent Garden Poste Italiane ospita negli spazi in via Giuseppe Andreoli 9 a Roma l’edizione autunnale di Startup Weekend Roma. Fino a domenica 54 ore di accelerazione per trasformare idee in progetti di impresa. Si comincia oggi intorno alle 18.30. Domenica i vincitori.

ninja

Le notizie che forse ieri ti sei perso

Tesla inizia la produzione di Model Y, il suo primo crossover elettrico
Il Modello 3 è stato il più venduto dalla società e ha portato un ingresso netto di 312 milioni di dollari, ma ora l’azienda punta su Model Y

Il significato di Content Marketing spiegato a mia zia (e al mio collega)
Il Content Marketing è nella sua fase di maturità, regolarmente si generano contenuti, ma spesso si confonde ancora con altre forme di pubblicità

L’era oscura della privacy: fra algoritmi e manipolazione. Il punto con il super esperto Menny Barzilay
L’esperto di sicurezza informatica israeliano a Roma il 30 ottobre alla Camera di Commercio con un talk su privacy e cybersecurity

Biancaneve - Favole - Nikita Gill

Su Instagram c’è qualcuno che riscrive le favole per combattere gli stereotipi di genere
Nikita Gill ha scritto un libro in cui rivoluziona la narrazione trasmessa dalle favole, per promuovere i valori di unicità, autenticità e inclusione

Gli investimenti cinesi in Kenya si portano dietro anche nuovi episodi di razzismo
Una nuova preoccupante ondata di razzismo arriva in Kenya e stavolta a recitare la sgradevole parte degli imperialisti sono i cinesi

nutella

Halloween sui social: 5 consigli per colpire i tuoi fan
Halloween è un’occasione unica per i piccoli e grandi brand di dar vita a campagne social potenti e memorabili: ecco alcuni consigli utili

Le intelligenze artificiali non sono il male (ma dipende da come le useremo)
Falsa automazione, bias, sistemi etici non condivisi e mancata trasparenza degli algoritmi sono alcune delle cause della mancata fiducia nella IA





Source link

Tim Cook a Bruxelles, il suo speech sulla privacy in 5 punti


Come avevamo già annunciato nei giorni scorsi, Il CEO di Apple, Tim Cook, era atteso tra i protagonisti della 40^ Conferenza internazionale sulla privacy, organizzata a Bruxelles sotto l’egida del Garante europeo per la privacy, l’italiano Giovanni Buttarelli, e ospitata al Parlamento Europeo. L’appuntamento, in programma fino al 26 ottobre, aveva in agenda una sessione pubblica oggi e domani con al centro della discussione l’etica digitale. Dibattere l’etica: dignità e rispetto nella vita guidata dai dati è stato dunque il titolo del dibattito.

Anche Tim Berners Lee. Oltre al numero uno di Apple, atteso anche Tim Berners Lee, ma anche ricercatori e accademici di punta come il direttore del centro di ricerca sull’intelligenza artificiale Hkust Pascale Fung, filosofi e scrittori come Anita Allen e Jaron Lanier, responsabili politici come le commissarie Ue alla giustizia e alla concorrenza Vera Jourova e Margrethe Vestager, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajanie i presidenti della Corte europea per i diritti umani e della Corte UE di giustizia, oltre ai responsabili per la tutela della vita privata di molti Paesi extra Ue.

1. Privacy diritto umano fondamentale

“Credo che la privacy sia un diritto umano fondamentale – ha detto Cook nel corso del suo intervento (qui il testo integrale) – e che vada protetta”.

 LEGGI ANCHE: L’Antitrust ha multato Apple e Samsung per “obsolescenza programmata”. Di che si tratta

cook

2. Arma con efficienza militare

L’uso dei dati personali degli utenti Internet è stato “reso un’arma con efficienza militare” dove tutto “dalle nostre speranze alle nostre paure” è stato assemblato in “profili digitali”, dove “le società digitali ci conoscono meglio di noi stessi”, arrivando a mostrarci solo le cose che ci interessano sino a “punti di vista ormai limitati anche nelle notizie. Questa è sorveglianza”. Ha detto Cook, sottolineando che Apple “ha sempre avuto la privacy nel suo sangue”.

LEGGI ANCHE: Cookie e GDPR. Quali differenze e che cosa cambia ora

3. Il GDPR sia la guida per gli Usa

“È giunto il momento per il resto del mondo incluso il mio Paese”, gli Usa, “di seguire la guida” dell’UE sulla privacy del regolamento generale sulla protezione dei dati, “noi ad Apple sosteniamo pienamente una legge onnicomprensiva sulla privacy negli Stati Uniti. Non possiamo sviluppare la tecnologia al suo massimo se gli utenti non hanno fiducia in essa”.

LEGGI ANCHE: Tim Cook ha iniziato il suo tour in Europa con 2 app di Realtà Aumentata

4. I pilastri di Tim Cook

Se per il CEO di Apple la strada è seguire il modello dell’Europa con il GDPR, negli Usa serve una legge che poggi su 4 pilastri: anonimizzazione dei dati (le aziende dovrebbero anonimizzare i dati personali o non chiederli proprio). Il diritto alla conoscenza dei dati in possesso di un’azienda. Il diritto di accesso (le aziende devono riconoscere che i dati appartengono ai cittadini e devono darne loro una copia se la chiedono così come cancellarli se lo vogliono). E il diritto alla sicurezza dei dati stessi. Quindi, anonimato, diritto di conoscenza e di accesso ai dati, e sicurezza dei dati.

5. La tecnologia è neutra

La tecnologia può fare progredire la società “ma allo stesso tempo può fare danni anziché aiutare”, e oggi si vede come “può in verità ingrandire le peggiori tendenze umane o rendere più profonde le divisioni fino a minare il discernimento tra quello che è vero e quello che non lo è. Per il CEO di Apple di per sé la tecnologia è neutra “non vuole fare cose buone, non fa niente in realtà, ma quello che fa, il suo uso, dipende da noi”.





Source link

L’Antitrust ha multato Apple e Samsung per “obsolescenza programmata”. Di che si tratta


Apple e Samsung secondo l’Antitrust italiana avrebbero “indotto i consumatori a installare aggiornamenti su dispositivi non in grado di supportarli adeguatamente, senza fornire adeguate informazioni, né alcun mezzo di ripristino delle originarie funzionalità dei prodotti”. Obsolescenza programmata. E’ questa la parola chiave dietro la multa rispettivamente di 10 (5 milioni per ciascuna delle pratiche contestate) e 5 milioni di euro comminata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) alle due Big Tech. Per il regolatore le società del gruppo Apple e del gruppo Samsung “hanno realizzato pratiche commerciali scorrette in violazione degli articoli 20, 21, 22 e 24 del Codice del Consumo in relazione al rilascio di alcuni aggiornamenti del firmware dei cellulari che hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi”.

LEGGI ANCHE: Ue: multa a Google da 4,3 miliardi. Big G: faremo ricorso

antitrust

Che vuol dire obsolescenza programmata

Per obsolescenza programmata si fa riferimento a quelle pratiche in grado di ridurre la vita di un dispositivo elettronico per anticiparne la sostituzione con uno nuovo. Si invoglia l’utente a sostituire il suo prodotto con il modello successivo prima che sia effettivamente necessario. E’ una strategia produttiva e di marketing che orienta il comportamento dei consumatori, riducendo artificialmente la vita dei prodotti e creando un incentivo esterno all’acquisto di beni sempre rinnovati.

La multa

Alle due imprese sono state applicate sanzioni “pari al massimo edittale, tenuto conto della gravità delle condotte e della dimensione dei professionisti. Entrambe le imprese – ha aggiunto l’Antitrust – dovranno inoltre pubblicare sulla pagina in italiano del proprio sito internet una dichiarazione rettificativa che informi della decisione dell’Autorità con il link al provvedimento di accertamento. Nel corso dell’attività ispettiva, i funzionari dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato si sono avvalsi dell’ausilio del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza”.

Qui Apple

Ad Apple l’Antitrust ha contestato di aver “insistentemente proposto, dal settembre 2016, ai possessori di vari modelli di iPhone 6 (6/6Plus e 6s/6sPlus rispettivamente immessi sul mercato nell’autunno del 2014 e 2015), di installare il nuovo sistema operativo iOS 10 sviluppato per il nuovo iPhone7, senza informare delle maggiori richieste di energia del nuovo sistema operativo e dei possibili inconvenienti (quali spegnimenti improvvisi) che tale installazione avrebbe potuto comportare. Per limitare tali problematiche, Apple ha rilasciato, nel febbraio 2017, un nuovo aggiornamento (iOS 10.2.1), senza tuttavia avvertire che la sua installazione avrebbe potuto ridurre la velocità di risposta e la funzionalità dei dispositivi.

Due violazioni

Inoltre, Apple non ha predisposto alcuna misura di assistenza per gli iPhone che avevano sperimentato problemi di funzionamento non coperti da garanzia legale, e solo nel dicembre 2017 ha previsto la possibilità di sostituire le batterie ad un prezzo scontato. Nei confronti di Apple è stata anche accertata una seconda condotta in violazione dell’articolo 20 del Codice del Consumo in quanto la stessa, fino a dicembre 2017, non ha fornito ai consumatori adeguate informazioni circa alcune caratteristiche essenziali delle batterie al lito, quali la loro vita media e deteriorabilità, nonché circa le corrette procedure per mantenere, verificare e sostituire le batterie al fine di conservare la piena funzionalità dei dispositivi”.

Mentre Cook è a Bruxelles

La notizia della multa è arrivata nel giorno in cui Cook e altri Big del Web come Tim Berners Lee sono a Bruxelles per la quarantesima Conferenza internazionale sulla privacy. “Gli Stati Uniti – ha detto Cook nel corso del suo intervento – devono dotarsi di una legge organica sulla privacy come quella europea. Credo che la privacy sia un diritto umano fondamentale – ha aggiunto Cook – e che vada protetta. Sono favorevole alla realizzazione di una legge federale negli Usa” così come in pratica avviene in Europa con il GDPR.

Qui Samsung

Secondo il Garante, Samsung ha proposto, da maggio 2016, ai consumatori che avevano acquistato un Note 4 (sul mercato da settembre 2014) di procedere ad installare il nuovo firmware di Android denominato Marshmallow predisposto per il nuovo modello di telefono Note 7, senza informare dei gravi malfunzionamenti dovuti alle maggiori sollecitazioni dell’hardware e richiedendo, per le riparazioni fuori garanzia connesse a tali malfunzionamenti, un elevato costo di riparazione.





Source link

Apple potrebbe presto lanciare la sua TV in streaming


Amazon Prime Video e Netflix potrebbero presto avere un nuovo competitor: Apple.

Secondo un rapporto di The Information, Apple sarebbe pronta a lanciare un servizio in abbonamento di contenuti video negli Stati uniti entro la metà del prossimo anno.

La strategia di Apple per il servizio di streaming

Nei mesi successivi al lancio negli Stati Uniti, il servizio dovrebbe essere reso disponibile in più di 100 paesi in tutto il mondo, attestandosi come concorrente diretto delle piattaforme più utilizzate al momento, quella di Amazon e di Netflix, appunto.

ninja

LEGGI ANCHE: Netflix testa le pubblicità fra gli episodi e gli iscritti si scatenano

Cosa ci sarà dentro

Il servizio includerebbe molte serie originali Apple, a cui l’azienda avrebbe lavorato negli ultimi mesi, e gli spettacoli sarebbero gratuiti per i possessori di dispositivi Apple. Anche la visione dei contenuti, pare sarà limitata ai soli dispositivi di fabbrica.

netflix

The Information sostiene che la più grande preoccupazione tra le aziende dei media è come i loro contenuti potrebbero essere presentati accanto a quelli di Apple. La preoccupazione, naturalmente, è che il contenuto Apple (incluso iTunes) verrà messo maggiormente in evidenza e scelto più facilmente dalle persone.

LEGGI ANCHE: Apple annuncia l’evento del 30 ottobre con decine di versioni del suo logo

Quanto investirà Apple

 

Secondo quanto riferito, la società accantonerà un miliardo di dollari da investire in nuovi programmi originali, ma è probabile che le produzioni saranno in linea con l’idea di Tim Cook: produrre per spettacoli per famiglie.

ninja

LEGGI ANCHE: Solo Apple potrà aggiustare Apple, un software impedirà le riparazioni di terze parti

 

Con le vendite dell’iPhone rallentate negli ultimi anni, la mossa di Apple sembra molto lungimirante:  settembre, gli analisti di Morgan Stanley avevano previsto che il servizio TV di Apple sarebbe stato in grado di competere con quello di Netflix entro il 2025.





Source link

La Germania vuole una “tassa minima” sui guadagni di Google e le altre big


Non diminuiscono, anzi aumentano le tensioni tra i giganti tecnologici e l’Unione Europea, in attesa di un regolamento internazionale che metta fine alle principali controversie.

L’introduzione del GDPR e altre iniziative volte a regolare il trattamento dei dati e a punire l’uso non consentito di questi, mostrano chiaramente che l’Unione Europea non ha intenzione di cedere davanti alla potenza dei colossi della tecnologia, soprattutto se hanno sede dall’altra parte dell’oceano.

I ministri europei stanno ora cercando di fare in modo che questi giganti con super poteri come Google, Facebook, Amazon, Apple e Microsoft, rispettino le regole e paghino quanto sia equo rispetto alle entrate.

olaf

L’ultimo intervento è del ministro delle finanze tedesco, Olaf Scholz, che in un articolo ha sollecitato un approccio condiviso per prevenire l’evasione fiscale dai parti dei grandi player del settore tecnologico.

Cosa vuole la Germania

“Abbiamo bisogno di un livello minimo di tassazione mondiale al di sotto del quale nessuno stato possa scendere”, ha scritto Scholz, aggiungendo che sarebbe necessario prevedere ulteriori misure per rendere più difficile trasferire i profitti in paradisi fiscali.

Reuters riferisce che la Germania starebbe valutando questa soluzione insieme alla Francia, assicurando che i due principali attori della politica economica europea siano già d’accordo su questa linea.

Cook

Solo un mese fa, Scholz era stato più cauto su un eventuale prelievo del 3% sulle entrate digitali di grandi aziende come Google e Facebook, probabilmente temendo una guerra commerciale che avrebbe avuto un impatto negativo sull’esportazioni di automobili nel continente americano delle case automobilistiche tedesche.

Sembra però, che ora il dibattito sia di nuovo aperto.

L’Irlanda non vuole la tassa

Non sorprende affatto che uno dei principali oppositori all’idea della tassazione minima sia l’Irlanda, che in conseguenza dell’accordo vedrebbe le sue entrate diminuire notevolmente. Ospita, infatti, le sedi europee di molte delle maggiori società tecnologiche del mondo, grazie a un regime fiscale particolarmente favorevole.

ninja

Gli Irlandesi temono inoltre che la mossa a sorpresa potrebbe soffocare l’innovazione tecnologica e, come la Germania, è preoccupata delle possibili ripercussioni commerciali.

Con il sostegno dei ministri delle finanze dei membri più influenti dell’UE, Francia e Germania, sembra probabile che entro la fine dell’anno si raggiungerà un compromesso sulla nuova tassa sulle tecnologie, nonostante le preoccupazioni di alcuni Stati membri.





Source link

Tim Cook ha iniziato il suo tour in Europa con 2 app di Realtà Aumentata


Il 23 ottobre vedrà il presidente francese Macron, mentre nei prossimi giorni sarà tra i protagonisti della 40^ Conferenza internazionale sulla privacy, organizzata a Bruxelles sotto l’egida del Garante europeo per la privacy, l’italiano Giovanni Buttarelli, e ospitata al Parlamento europeo. Tim Cook è in Europa, per partecipare all’evento, in programma fino al 26 ottobre che avrà al centro della discussione l’etica digitale. Prima di tuffarsi nella fitta agenda di appuntamenti istituzionali, il numero uno di Apple si è concesso una giornata a Berlino. All’insegna della Realtà Aumentata. Proprio così, ha incontrato i team che hanno sviluppato rispettivamente mauAR e Asana Rebel, due app che utilizzano la Realtà Aumentata, anche se in modo molto diverso l’una dall’altra. Vediamole nel dettaglio.

Cook

Tim Cook in un’immagine di repertorio

mauAR

mauAR offre informazioni storiche e sovrappone in tempo reale la visuale del muro di Berlino, ricostruito in grafica 3D, mostrando la posizione in cui sorgevano le fortificazioni che impedivano la libera circolazione delle persone tra Berlino Ovest (Repubblica Federale di Germania) e il territorio della Germania Est. “Grazie @ e al team mauAR per riportare in vita la storia del muro di Berlino attraverso la realtà aumentata: un nuovo modo di imparare dal passato. Siamo ansiosi di vedere la tua app su App Store!” ha scritto in un tweet lo stesso Cook.

Asana Rebel

Cook ha fatto anche visita al team di Asana Rebel, startup che ha sviluppato un’app che sfrutta la Realtà Aumentata per allenamenti, salute e benessere, Yoga e potenziamento.

La conferenza sulla Privacy

Dibattere l’etica: dignità e rispetto nella vita guidata dai dati è questo il titolo del dibattito che ha in programma una sessione pubblica il 24 e il 25 ottobre che vedrà confrontarsi i big del settore. Oltre al numero uno di Apple, saranno presenti inventori come Berners Lee, ricercatori e accademici di punta come il direttore del centro di ricerca sull’intelligenza artificiale Hkust Pascale Fung, filosofi e scrittori come Anita Allen e Jaron Lanier, responsabili politici come le commissarie Ue alla giustizia e alla concorrenza Vera Jourova e Margrethe Vestager, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ma anche i presidenti della Corte europea per i diritti umani e della Corte Ue di giustizia, oltre ai responsabili per la tutela della vita privata di molti Paesi extra Ue, per un totale di oltre 1000 partecipanti.





Source link

Ninja Morning, il buongiorno di lunedì 22 ottobre 2018


Apple

Il CEO di Apple, Tim Cook, è tra i protagonisti della 40^ Conferenza internazionale sulla privacy, organizzata a Bruxelles sotto l’egida del Garante europeo per la privacy, l’italiano Giovanni Buttarelli, e ospitata al Parlamento europeo. L’appuntamento, in programma fino al 26 ottobre con una sessione pubblica il 24 e il 25, avrà al centro della discusione l’etica digitale. Dibattere l’etica: dignità e rispetto nella vita guidata dai dati è il titolo del dibattito che vedrà confrontarsi i big. Oltre al numero uno di Apple, saranno presenti inventori come Berners Lee, ricercatori e accademici di punta come il direttore del centro di ricerca sull’intelligenza artificiale Hkust Pascale Fung, filosofi e scrittori come Anita Allen e Jaron Lanier, responsabili politici come le commissarie Ue alla giustizia e alla concorrenza Vera Jourova e Margrethe Vestager, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ma anche i presidenti della Corte europea per i diritti umani e della Corte Ue di giustizia, oltre ai responsabili per la tutela della vita privata di molti Paesi extra Ue, per un totale di oltre 1000 partecipanti.

ninja

La storia dei chip nelle schede madri. Intanto, sempre il CEO di Apple, ha chiesto pubblicamente che Bloomberg ritiri la storia del 4 ottobre scorso secondo cui spie cinesi sono state capaci di inserire chip nelle schede madri prodotte da Super Micro Computer, azienda californiana che ha fornito attrezzature e server usate dal governo e da decine di gruppi statunitensi inclusi Apple e Amazon. Sia il produttore dell’iPhone sia il colosso del commercio elettronico avevano smentito come pure Pechino.

WhatsApp

Si chiama Vacation Mode ed è una nuova funzionalità presente in una versione Beta test di WhatsApp. A darne notizia il Sun. Secondo il quotidiano con questa opzione è possibile nascondere le conversazioni e tenerle nascoste (notifiche comprese) anche se arrivano nuovi messaggi.

ninja

Credit: 2018 ESA-CNES-Arianespace

Bepi Colombo

Si chiama Bepi Colombo, è la prima missione europea diretta verso Mercurio, il pianeta più interno del Sistema Solare e il più vicino al Sole, con temperature estreme. Sabato, nella base europea di Kourou, alle 3.45 italiane, il lanciatore Ariane 5 ha portato il veicolo che racchiude i quattro moduli che costituiscono Bepi Colombo nella posizione orbitale che gli permetterà di prendere la direzione corretta per cominciare il viaggio verso Mercurio. A bordo, in un unico veicolo largo poco più di sei metri, largo quasi quattro metri e alto 3,6 chiamato MCS (Mercury Composite Spacecraft), sono assemblati i 4 moduli della missione, destinati ad attraversare insieme il Sistema Solare per sette anni per separarsi una volta arrivati nell’orbita di Mercurio, nel 2025.

Augmented Eternity

Hossein Rahnama, imprenditore e ricercatore presso la Ryerson University di Toronto, sta sviluppando un’applicazione chiamata Augmented Eternity, che ha l’obiettivo di creare una copia digitale di sé, capace di interagire con altre persone dopo la morte. Il primo obiettivo è quello di clonare il CEO di alcune aziende finanziarie, per permettergli di gestirle anche quando non potrà più. A darne notizia Technology Review, secondo cui a occuparsi della copia sarà l’Intelligenza Artificiale, che ha raccolto ogni possibile dato, ogni traccia lasciata online, lo storico delle azioni compiute durante la cita di dirigente e tutta la sua corrispondenza pubblica e privata, in modo da capirne la personalità, la mente e, alla fine, potersi sostituire a lui.

ninja

Hossein Rahnama, PhD, is an Associate Professor in the RTA School of Media and is the Director of Research and Innovation at Ryerson University’s Digital Media Zone

Gli appuntamenti di oggi

START UP IN ITALIA – Palazzo Marino (piazza della Scala 2, Milano) ospita alle 10.00 Start up in Italia. Quali soluzioni per farle crescere. Un sistema che in Italia fatica ancora e che ha bisogno di aiuti concreti per non far volare lontano i giovani innovatori. Si discuterà di ciò che è necessario per migliorare il Sistema Paese in ambito di startup.

MEDIOLANUM – Sempre a Milano, a Palazzo Biandrà (via Tommaso Grossi, 9) a partire dalle 10.30 si terrà l’evento In cammino verso un mondo migliore: la sostenibilità in Banca Mediolanum. A 10 anni dal rimbordo ai suoi clienti per il fallimento di Lehman Brothers, Banca Mediolanum presenta il proprio impegno verso tutti gli stakeholders. Partecipano, tra gli altri, Ennio Doris, presidente Banca Mediolanum; Massimo Doris, a.d. Banca Mediolanum.





Source link

show