Il ritratto dipinto da una intelligenza artificiale è stato venduto all’asta per una cifra record


Un dipinto creato dall’intelligenza artificiale è stato venduto per 432 mila dollari all’asta d’arte di Christie’s a New York. Il pezzo, dal titolo “Ritratto di Edmond Belamy”, è la prima opera realizzata interamente da una intelligenza artificiale per la vendita in un’importante asta d’arte.

Il collettivo artistico dietro l’AI, Obvious, si aspettava di ricavare tra 7 mila e 10 mila dollari dalla vendita, mentre la cifra record raggiunta durante l’asta ha lasciato tutti scioccati.

intelligenza artificiale ritratto

Come è stato realizzato il dipinto

Il dipinto è frutto del lavoro di un algoritmo noto come Generative Adversarial Networks (GAN), che è stato ideato dal collettivo d’arte con sede a Parigi. Il gruppo ha fornito all’algoritmo un set di dati di circa 15.000 ritratti dipinti da veri artisti tra il XIV e il XX secolo.

La parte dell’algoritmo deputato all’apprendimento (il Generator) ha iniziato a comprendere caratteristiche, tecniche e stili di quelle opere d’arte per iniziare a creare i suoi dipinti, mentre un’altra parte del sistema, il Discriminator, ha avuto il compito di determinare la differenza tra l’arte creata dall’uomo e l’arte prodotta dal Generatore. Questo processo è continuato fino a quando il Discriminatore non è stato più in grado di distinguere le opere.

A quel punto il collettivo artistico ha stabilito che il lavoro era abbastanza buono da poter essere venduto.

ai dipinto

Gli altri quadri dell’intelligenza artificiale in vendita

Il “Ritratto di Edmond Belamy“, a metà strada tra un’opera di Velazquez e un dipinto di de Kooning, è uno degli undici dipinti di una serie di ritratti di persone non reali creati dall’intelligenza artificiale.

Tutte le opere sono stampate su tela con getto d’inchiostro, incorniciate e firmate con la formula matematica che mostra la relazione tra generatore e discriminatore.

Gli altri ritratti di Obvious sono ora in vendita per circa 10 mila euro sul sito web del collettivo, anche se il prezzo potrebbe essere ritoccato dopo i risultati incredibili dell’asta.





Source link

Twitter aggiungerà una funzione per tonare alla visualizzazione classica (senza “i migliori tweet”)


Da quando Twitter ha inserito nuove funzioni in stile timeline, per visualizzare i tweet che “potresti aver perso” o contenuti che si suppone sarebbero piaciuto agli utilizzatori, molte persone hanno iniziato a lamentarsi di non visualizzare più alcuni tra i contenuti preferiti con la consueta semplicità.

LEGGI ANCHE: 6 consigli utili per trovare e contattare i giusti Influencer su Twitter

Twitter torna semplice con i contenuti in ordine cronologico

Ora Twitter ha annunciato che nelle prossime settimane inizierà a testare un modo per passare dalla visualizzazione attuale a quella classica, con i tweet semplicemente in ordine cronologico.

twitter

Nel 2016, quando la timeline che mostrava “i migliori tweet” o “i contenuti che potresti aver perso” faceva la sua comparsa, sul blog ufficiale di Twitter veniva annunciata così: “Abbiamo già visto che le persone che utilizzano questa nuova funzione tendono a ritwittare e twittare di più, creando più commenti e conversazioni dal vivo, il che va bene per tutti. […] Ascolteremo il tuo feedback e lo miglioreremo nel tempo”.

Twitter dà ascolto ai suoi iscritti

twitter1

Non a tutti erano piaciute queste modifiche al feed basate su un algoritmo e ora il social network dimostra una vera attenzione per gli iscritti predisponendo una soluzione semplice per tornare al feed non moderato dal codice.

Twitter ha aggiornato l’app per rendere disponibile questa nuova funzionalità, ma per ora è poco accessibile: bisogna andare in Impostazioni e disattivare la funzione “Mostra prima i migliori tweet”. In questo modo è possibile tornare alla visione cronologica dei tweet. Nelle prossime settimane avremo invece a disposizione uno switch molto più accessibile, secondo le dichiarazioni degli sviluppatori.





Source link

show