Molto tempo fa, in una galassia lontana lontana…

Star Wars, episodio VII il risveglio della forza. Sicuramente l’uscita di questa pellicola è da considerare come l’evento 2015. Nessuno è riuscito a tenersi estraneo a questo fenomeno mondiale: non c’è libreria che non esponga i libri dell’universo espanso, nessun negozio di dvd e blueray che non abbia i remaster delle prime due trilogie, nessun negozio di giochi che non abbia gadget firmati Star Wars.

Come mai c’è stata una tale reazione del mondo all’uscita di un nuovo capitolo della saga spaziale più famosa di sempre?

Bisogna scavare negli annali del cinema fino al 21 ottobre del 1977 con l’uscita nelle sale europee (25 maggio per gli stati uniti) del primo film diretto da George Lucas, ideatore della saga, della “trilogia originale” di Guerre Stellari: episodio IV Una nuova speranza. Da lì a seguire uscirono nel 1980 il quinto episodio “l’impero colpisce ancora” e “il ritorno dello jedi” nel 1983. Dal 1999 al 2005 invece abbiamo la seconda trilogia, il prequel della prima, con: “La minaccia fantasma”, “L’attacco dei cloni” e “La vendetta dei Sith”.
Facendo dei rapidi conti, questa saga inizia 38 anni fa, ponendo l’età media di coloro che hanno potuto vedere la prima visione nelle sale cinematografiche del primo Guerre Stellari più o meno dai 50 in poi. Il primo elemento ha permesso il dilagarsi di questo fenomeno con tale velocità è stata dunque la nostalgia provocata negli animi dei fortunati. Sopratutto dopo il flop (rispetto alla prima trilogia) della trilogia degli “anni 2000”. il rivedere sugli schermi i personaggi (oramai invecchiati) della prima trilogia ha scaldato i cuori dei più, giovani e non: rivede Han Solo e Chewbacca salire sul Millenium Falcon e sentir pronunciare le parole: “Chewbe, siamo a casa.”, rivendere lo stesso Millenium Falcon sfrecciare alla velocità della luce nell’interspazio, ritrovare i tratti di Darth Vader in questo nuovo villain chiamato Kylo Ren, risentire il suono della spada laser sguainata.

Il boom del fenomeno

Non è certo dovuto solo alla presa nostalgica dei cuori di tutti, ma anche alla giovinezza della audience. Chi da bambino non ha desiderato viaggiare nello spazio e vivere incredibili avventure passando da un pianeta all’altro, su navicelle spaziali e con mostri giganti? La saga di Guerre stellari è capace di essere apprezzata sia da i più piccolini, qualunque sia la loro generazione, realizzando le loro fantasie di avventure nello spazio (avventure che tutti noi abbiamo vissuto nella nostra testa), sia dai più grandicelli con importanti spunti filosofici con il concetto di Forza e caratterizzazioni dei personaggi che dei bambini non possono cogliere.

Unendo questi due elementi: la giocosità (i viaggi spettacolari, le armi che brillano, i combattimenti spaziali) e una trama e dei personaggi invidiabili, questa saga si è scavata un posto nel cuore di tutti. Anche i bambini di oggi, dunque, nel vedere navicelle fare “pew pew” nello spazio, esplosioni di dimensioni galattiche e mostri pelosi che fanno versi si sono emozionati all’idea di avvicinarsi a questa saga.

La pubblicità

Puntando su questi due punti, la nostalgia e l’apprezzamento generazionale della saga, sul web, in televisione, sui giornali, o semplicemente sui cartelloni pubblicitari si sono visti tantissimi riferimenti a questa imponente saga. Sfruttando, ad esempio, la famosissima colonna sonora dei titoli di testa dei capitoli la Tim ha pubblicizzato la sua nuova tariffa, oppure con alcune delle più celebri citazioni dai film: “che la forza sia con te” “Luke, io sono tuo padre” “passa al lato oscuro della forza!”. Il fenomeno mediatico di Star Wars si vede non solo nelle pubblicità ai prodotti, ma anche nei prodotti stessi: la chupa chups ad esempio ha creato per l’occasione una confezione del suo prodotto griffata Guerre stellari, stessa cosa ha fatto la nesquik. Similmente alcune marche di vestiti (come OVS) ha iniziato a vendere prodotti (magliette e felpe) firmati Star Wars. Che voi siate o non siate appassionati della saga, o che neanche la abbiate mai vista, di sicuro non avete potuto evitare di notare questo boom mediatico a tema Guerre Stellari, e potete stare certi che questo evento non terminerà molto presto.

“Che la Forza sia con voi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

show